Contratto di lavoro per studenti universitari quale adottare


Contratto di lavoro per studenti universitari quale adottare




Moltissimi giovani, che siano appena diplomati e in procinto di iscriversi all’università o neolaureati, sentono spesso la necessità di ampliare le proprie conoscenze e entrare in confidenza con il mondo del lavoro tramite stage e tirocini non curriculari.

E’ quindi il caso di fare un po’ di chiarezza sul tema, in modo da evitare che la non conoscenza dei propri diritti catapulti i giovani tra le braccia di veri e propri sfruttatori.

Tirocini e Stage: cosa ci dice la legge

L’ultimo provvedimento che trattava di questo tema risale al 2011, anche se la Corte Costituzionale ha dichiarato i testi incostituzionali. Data la presenza di una lacuna legislativa in materia la Conferenza di Stato, Regioni e Province autonome ha cercato di rimediare emanando dei criteri e linee guida.

Cosa è previsto

Il testo specifica che la retribuzione minima lorda garantita mensilmente ai tirocinanti deve essere di
300 euro, che questi non possono svolgere mansioni per lavori che richiedono una specifica funzione
preventiva e che non possono nemmeno sostituire i lavoratori dipendenti.




E’ inoltre sottolineato il numero di stagisti presenti in un’azienda in base al numero di dipendenti, che in
linea generale non deve superare una quota del 10%.

Il tipo di contratto in questo caso, non è quello di un normale lavoratore a tempo determinato: non si
ha diritto a ferie o a liquidazione, e il certificato di partecipazione allo stage viene rilasciato solo in
seguito alla confermata partecipazione ad almeno il 70% del monte ore.

Spesso al tirocinante viene affiancato un tutor

Al tirocinante, vista la sua esperienza di formazione che va ad affrontare, va affiancato un tutor durante
il percorso. In più egli ha diritto alla copertura INAIL per gli infortuni ed è assicurato sul luogo in cui
svolge il tirocinio.

In linea generale, i tipi di stage e tirocini sono moltissimi, ognuno con durata e termini differenti, anche
se sono tutti frutto di una convenzione tra ente promotore e soggetto ospitante.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.