Smart working, si possono scaricare le spese della postazione?


Smart working




Sono diverse le persone che a causa del Coronavirus svolgono il proprio lavoro in smart working, cioè non adoperando gli uffici o i luoghi messi a disposizione dall’azienda, ma da casa propria.

Rendere casa propria il più funzionale possibile

Chi lavora in smart working sa bene che dovrà usare la stessa concentrazione e lo stesso impegno che impiegherebbe se fosse in ufficio e questo si traduce nel fatto che deve rendere casa propria il più funzionale possibile, adibendo uno spazio o una stanza alla postazione per lo smart working.

Dovrà dunque dotarsi, oltre che di un PC (fisso o portatile) e di una connessione ad Internet, anche di una tastiera, un mouse, una stampante, uno scanner, accessori da scrivania (come porta documenti o organizzatori di penne e matite), web cam, microfono, scrivania e una sedia ergonomica per passare molto tempo davanti allo schermo.

Insomma, tutta una serie di elementi che permettano di svolgere al meglio il proprio lavoro anche da casa.




I costi per la postazione da smart working possono diventare anche piuttosto consistenti e la domanda che ci si può porre è se tali spese si possano scaricare in qualche modo.

Da quando è iniziata la pandemia

Da quando è iniziata la pandemia si è vociferato spesso di possibili Bonus o rimborsi forfettari delle spese (soprattutto legate a luce e connessione Internet) per i lavoratori in smart working.

Tuttavia, al momento non c’è nulla di definitivo in merito.

La legge peraltro stabilisce che nel telelavoro sia l’azienda a dover fornire al lavoratore la strumentazione per svolgere il lavoro (o a rimborsarne i costi).

Anche nello smart working il datore di lavoro sarebbe tenuto a sostenere l’investimento iniziale per acquistare gli strumenti necessari al lavoro agile.

Tuttavia la normativa (art. 18, comma 2, legge n. 81/2017) prevede solo che “il datore di lavoro sia responsabile della sicurezza e del buon funzionamento degli strumenti tecnologici assegnati al lavoratore per lo svolgimento dell’attività lavorativa”, non definendo altro circa il rimborso delle spese sostenute per la postazione per svolgere lo smart working.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.