Smart working, è possibile chiedere il rimborso della connessione?


Smart




A causa dell’emergenza Coronavirus, molti lavoratori svolgono il proprio lavoro in modalità agile, vale a dire in smart working, non adoperando gli uffici o i luoghi messi a disposizione dall’azienda.

Per lavorare in smart working

Per lavorare in smart working è necessario possedere un PC, fisso o portatile, e sicuramente una connessione ad Internet.

Proprio a proposito della connessione ad Internet, ci si potrebbe chiedere se sia possibile chiedere il rimborso per questo costo sostenuto.

In effetti lo smart working è una modalità di lavoro diversa dal telelavoro: in quest’ultimo, infatti, il lavoro si svolge da casa perché questa è la sede principale dell’attività e l’azienda o il datore di lavoro forniscono tutta la strumentazione necessaria per svolgere il lavoro oppure restituiscono i costi pagati dal lavoratore.




Nella disciplina dello smart working, invece, poco si dice sul rimborso delle spese (come ad esempio di quelle collegate alla connessione ad Internet).

Addirittura una direttiva in tema di misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus, mediante l’adozione di modalità di lavoro agile, specifica che: “consumi elettrici, di connessione alla rete Internet, comunicazioni telefoniche con lUfficio o Servizio, sono a carico del lavoratore”.

Rimborsare la connessione

In ogni caso, l’azienda o il datore di lavoro possono decidere di rimborsare il lavoratore del costo sostenuto per la connessione ad Internet, sotto forma di fringe benefit.

Tale costo, fra l’altro, è deducibile ai fini IRES per il datore di lavoro.

Con la risposta all’interpello numero 371 del 24 maggio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha ribadito che solo alle cifre rimborsate al lavoratore sulla base di parametri certi e documentati non si applica l’Irpef.

Le spese sono deducibili, dunque, in qualità di spese per prestazioni di lavoro.

Quindi si può concludere dicendo che sono i particolari rapporti aziendali o con il datore di lavoro che stabiliscono se per i costi sostenuti per la connessione ad Internet, il lavoratore possa ottenere un rimborso.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.