Regolarizzazione badanti, come sarà


Regolarizzazione




Con l’articolo 110 bis del Decreto Rilancio è stata prevista la regolarizzazione dei rapporti di lavori di circa 200 mila persone, fra cui anche le badanti la cosa importante è capire quale contratto di lavoro adottare in base alle esigenze. I meccanismi per la regolarizzazione delle badanti sono due:

  • il datore di lavoro può presentare l’istanza per sottoscrivere un rapporto di lavoro subordinato regolare o per autodenunciare la sussistenza di un rapporto di lavoro non regolare con un cittadino italiano o straniero.

Regolarizzare una badante straniera

Nel caso di badante straniera, questa deve essere presente in Italia da prima dell’8 marzo 2020 e dopo tale data non deve essersi spostata dal territorio. Il datore di lavoro è tenuto al pagamento di 400 euro più un forfait per i contributi pregressi nel caso di un rapporto di lavoro in nero da regolarizzare.

La richiesta si può presentare, a partire dal primo giugno e fino al 15 luglio, all’INPS, nel caso di emersione del lavoro nero oppure allo sportello immigrazione del Ministero dell’Interno, nel caso di regolarizzazione del rapporto di lavoro con un lavoratore extracomunitario.

La durata del contratto di lavoro

Nell’istanza bisogna indicare la durata del contratto di lavoro e la retribuzione (che non deve essere inferiore rispetto a quella prevista dal contratto collettivo di lavoro di riferimento). Una volta inoltrata la richiesta, se viene accettata, verrà concesso al lavoratore straniero un permesso di soggiorno per motivi di lavoro.




  • La badante immigrata, con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, può inoltrare alla Questura la domanda per richiedere un permesso temporaneo di sei mesi per poter ricercare lavoro.

Se nell’arco di sei mesi riesce a trovare un’occupazione, questo permesso diventa un permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Non potranno richiedere ed ottenere questo permesso di 6 mesi le badanti straniere che abbiano ricevuto un provvedimento di espulsione o subito condanne gravi, anche solo in primo grado, per reati come sfruttamento della prostituzione o spaccio di droga.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.