Smart Working, quale strumenti per videoconferenze


Smart Working




In Italia, con l’emergenza Coronavirus molte aziende si sono organizzate con lo smart working (o lavoro agile), una modalità di svolgimento del lavoro subordinato che si caratterizza per l’assenza di vincoli orari o spaziali e che prevede un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro. Questa modalità di lavoro, dunque, permette di poter svolgere la propria prestazione di lavoro comodamente da casa così da non doversi spostare in ufficio o presso la sede di lavoro, al fine di limitare la possibile diffusione di contagi, senza però compromettere l’attività lavorativa.

Organizzare autonomamente il lavoro

Con lo smart working, il lavoratore può organizzare autonomamente il lavoro, conciliandolo con la propria vita personale (ad esempio la famiglia). Il lavoro agile può essere svolto con il supporto di PC, tablet o smartphone e di alcuni altri tools molto funzionali.

Se durante lo svolgimento del lavoro nella maniera tradizionale, si può essere abituati a conferenze o meeting con il resto del team o con il datore di lavoro, non c’è da preoccuparsi perché anche lo smart working mette a disposizione dei lavoratori degli strumenti per le videoconferenze. Uno di questi strumenti è Google Hangouts Meet, un programma che fa parte della suite di Google che permette di effettuare riunioni in videostreaming fino a 250 partecipanti contemporaneamente.

E’ presente anche una funzionalità per assistere in diretta

E’ presente anche una funzionalità per assistere in diretta o in differita alla conferenza senza parteciparvi attivamente. Il programma presenta diverse modalità di abbonamento (a prezzi diversi) ma, per l’emergenza Coronavirus verificatasi, è previsto un periodo gratuito fino a luglio per tutti coloro già precedentemente abbonati al servizio.




Team Viewer permette, invece, di effettuare meeting con un numero più ristretto di persone (fino a 25) o di consultare i file degli altri utenti, modificandoli o lavorando su di essi in tempo reale.

Infine, per delle videochiamate più “informali” fra colleghi, si può utilizzare anche Skype.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.