Web Radio, come aprirne una


Web Radio




Oggigiorno è possibile aprire una Web Radio in pochi semplici passi: in molti decidono di aprire una Web Radio per hobby o per farlo diventare un vero e proprio lavoro.  In ogni caso, bisogna avere ben chiare le proprie idee riguardo al tipo di radio che si vuole creare e al tipo di ascoltatori da raggiungere.

Grazie ai social, è molto semplice pubblicizzare la propria radio

Attualmente, grazie ai social, è molto semplice pubblicizzare la propria radio e raggiungere il successo, se si viene apprezzati dagli ascoltatori. Esistono, infatti, molte piattaforme online che consentono di creare velocemente (gratuitamente oppure a pagamento) una Web Radio.

In sostanza, il funzionamento di queste piattaforme consiste nel mettere a disposizione di chiunque degli archivi musicali condivisi così che si possano trasmettere questi file musicali durante i propri show; se si trasmettono dei pezzi musicali di altri artisti, ovviamente, si dovranno rispettare le leggi sul copyright.

Licenza SIAE e SFC

Qualsiasi Web Radio, infatti, deve dotarsi della licenza SIAE e SFC (a meno che non se ne occupi la piattaforma che ospita la propria programmazione). Un sito Internet molto famoso con cui si può creare una Web Radio è, ad esempio, Soundcloud: una piattaforma in cui però si possono “pubblicare” dei podcast già registrati.




Questa piattaforma è infatti rivolta per lo più all’ascolto di musica in streaming di artisti indipendenti che creano cover, brani propri o remixati. Ad ogni modo, per aprire una Web Radio, in linea di massima non c’è bisogno di alcuna licenza: questa è prevista solo per i professionisti che realizzano un fatturato prefissato e hanno una capacità competitiva particolarmente forte.

L’obbligo di avere l’autorizzazione, infatti, scatta solo in presenza di una soglia minima di ricavi annui derivanti da attività tipicamente radiotelevisive (pubblicità, televendite, sponsorizzazioni, contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati, provvidenze pubbliche e da offerte televisive a pagamento) superiore a 100.000 euro.

Invece, a prescindere dalla tipologia di Web Radio (commerciale o amatoriale), sarà necessario registrarla al registro degli operatori di comunicazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Web Radio, come comportarci con la SIAE      
  2. Web Radio, quali attrezzature occorrono  
  3. Web Radio, quali permessi vanno chiesti 

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.