Assunzioni giovani, che cos’è il patto tra generazione


Assunzioni giovani




Il Ministero del Lavoro sta pensando ad un nuovo decreto, il cosiddetto patto tra generazioni, per permettere l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Il blocco del mercato del lavoro degli ultimi anni

In Italia, i giovani sono coloro che stanno pagando a caro prezzo il blocco del mercato del lavoro degli ultimi anni: il livello di disoccupazione nel Paese è sempre più elevato e rappresenta un aspetto davvero preoccupante per il futuro delle nuove generazioni.

Dunque, il patto fra generazioni è volto ad assicurare che vengano salvaguardati i livelli di occupazione dei giovani ma anche che si mantengano condizioni di reddito accettabili per le fasce di popolazione più anziane.




Il patto tra generazione

In sostanza, il patto tra generazione prevede che i giovani vengano assunti come apprendisti (o con contratto a tempo indeterminato) se un lavoratore anziano accetta di trasformare il proprio rapporto di lavoro da tempo indeterminato a part-time.

L’unica condizione è che, mentre avviene la trasformazione del rapporto di lavoro dell’anziano dipendente e la sottoscrizione del nuovo contratto, il saldo occupazionale dell’azienda si mantenga attivo e mai negativo.

Il decreto, che come detto avrebbe come obiettivo l’assunzione di giovani, prevede dunque la possibilità di concludere un accordo fra cinque diversi attori: i soggetti pubblici, gli Enti previdenziali, le imprese, i lavoratori anziani o i lavoratori giovani.

La riconversione del rapporto di lavoro

Dopo la riconversione del rapporto di lavoro da parte del lavoratore anziano e l’assunzione del lavoratore giovane, infatti, Regioni e Province devono tutelare la copertura pensionistica del primo soggetto integrandone il versamento dei contributi.

Proprio per questo motivo, i contributi previdenziali aggiuntivi in favore del lavoratore anziano vengono versati dal soggetto pubblico all’Ente previdenziale.

Dunque, è necessario un accordo preventivo fra Regioni, Province ed Inps, per quantificare il costo per realizzare l’intervento creando un canale di comunicazione che trasmetta i dati dei lavoratori beneficiati dall’integrazione contributiva

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.