Spazzacamino, quale partita iva aprire


Spazzacamino




Lo spazzacamino è colui che si occupa della pulizia e della manutenzione dell’impianto fumario per fare in modo che rispettino gli standard di sicurezza e si evitino, per malfunzionamenti, intossicazioni o incendi.

Lo spazzacamino può operare come lavoratore autonomo o come dipendente: è consigliabile, all’inizio della propria attività, svolgere un periodo da apprendistato presso una ditta specializzata in modo da imparare anche praticamente il proprio mestiere.

Autonomo o dipendente

Per fare questo, è consigliabile inviare il Curriculum Vitae alle ditte ed allegare un certificato medico che attesti che si è in piena salute e pronti a svolgere tale mestiere che richiede agilità e capacità di resistere alla fatica e all’altezza elevata.

Se si vuole aprire un’attività autonoma, lo spazzacamino deve aprire la Partita IVA e comunicare l’inizio dell’attività alla Camera di Commercio.




Inoltre, deve avere l’abilitazione professionale prevista all’atto dell’iscrizione all’Albo Imprese Artigiane, categoria pulizie, Codice Ateco 81.22.02  – Attività di pulizie et affini  (L. 82/94 – D.M. 274/97 ).

In queste attività di pulizia specializzata e affini rientrano:

  • pulizia effettuata all’esterno di edifici di ogni tipo, inclusi uffici, fabbriche, negozi, uffici pubblici ed altre strutture commerciali e professionali, nonché condomini;
  • pulizia specializzata di edifici, effettuata da imprese che dispongono di capacità e attrezzature particolari, come la pulizia di vetrate, camini e caminetti, fornaci, inceneritori, caldaie, condotti di ventilazione e dispositivi di evacuazione dei fumi;
  • pulizia di macchinari industriali;
  • altri servizi di pulizia di edifici e di impianti e macchinari industriali.

Infine, il titolare dell’attività verrà iscritto nella gestione Artigiana dell’INPS e dovrà pagare i minimali previdenziali e l’iscrizione all’INAIL.

L’attività può essere svolta con regime contabile ordinario, semplificato o forfettario a seconda del fatturato che si raggiunge: con il regime semplificato o ordinario, lo spazzacamino dovrà pagare l’IRPEF e le addizionali, l’IRAP, l’IVA e il diritto annuale camerale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.