Coworking, come pianificare le attività all’interno


Coworking




Il contratto di coworking (co-condividere e working -lavoro) vede coinvolte due parti: il cedente, che mette a disposizione lo spazio in cui il professionista, la seconda parte del contratto, svolgerà la propria attività lavorativa. Il coworking è nato proprio per i professionisti che vogliono iniziare un’attività lavorativa ma non hanno molte risorse a propria disposizione per affittare un ufficio. Il cedente riceve dei canoni dai professionisti senza dover stipulare contratti pluriennali con il rischio di eventuali noie.

Coworking, vantaggio e risparmio

I professionisti, invece, traggono vantaggio risparmiando rispetto ai soliti contratti di locazione senza dover spendere altri soldi per arredare il proprio ufficio o per allacciare le utenze. Un altro vantaggio del coworking, di tipo “personale”, è che i professionisti potranno lavorare in un ambiente stimolante e socievole.

Il coworking consente di non isolarsi, lavorando da soli a casa ma di poter instaurare delle collaborazioni con altri professionisti presenti nello spazio comune oppure acquisire nuovi clienti e generare maggior reddito. Infatti, è molto probabile che nella stessa stanza di coworking si trovino professionisti come commercialisti, avvocati, fotografi, creativi e così via. Il cedente, per sistemare lo spazio destinato al coworking, dovrà sostenere un investimento iniziale, arredandolo con tutto quanto serve ai professionisti per poter lavorare:

  • scrivanie;
  • luci;
  • riscaldamento e climatizzatore;
  • Wi-Fi;
  • stampanti;
  • fotocopiatrici;

L’obiettivo è quello di creare dei veri e propri uffici oltre che offrire altri servizi e altri spazi come:

  • la sala riunioni;
  • la sala break e caffè;
  • la biblioteca;
  • la sala per gli eventi.

In base ai servizi offerti, verrà stabilito il canone che il professionista dovrà pagare: in linea di massima, si tratta di 25-35 euro giornalieri o di 150-200 euro al mese. Comunque, tutto ciò che attiene ai canoni, modalità di pagamento e servizi offerti, dovrà essere indicato nel contratto di coworking.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.