Lavoro e università, come regolarizzare i contratti


Lavoro e università




Sempre più studenti universitari decidono di perseguire la carriera universitaria contemporaneamente a quella lavorativa e di cercarsi, così, un lavoro per mettere da parte qualche soldo e per essere economicamente indipendenti dalle proprie famiglie. Trovarsi un lavoro durante l’università aiuta a gestire il proprio tempo in maniera più efficace e quindi a pianificare le proprie giornate in modo da rendere sia al lavoro sia nello studio (e raggiungere, così, il traguardo della laurea).

Lavoro e università dal barista alle ripetizioni

Fra gli impieghi più scelti dagli studenti universitari ci sono quello da cameriere, da barista, da commesso, da baby sitter o da insegnante privato. Questi lavori possono essere svolti in orari serali, su turni o con orari flessibili, in modo che lo studente riesca ad organizzare perfettamente le proprie giornate lavorative fra lezioni, studio e tempo libero.

Molto spesso, però, il lavoro svolto dagli studenti universitari avviene in nero e senza regolare contratto. Tuttavia, ci sono dei modi per regolarizzare i contratti in modo che i giovani lavoratori siano tutelati e che i datori di lavoro non rischino tutte le conseguenze che derivano dagli ingaggi in nero.

I contratti di lavoro fra cui si può optare sono:

  • contratto a progetto, con cui il lavoratore può svolgere la propria attività lavorativa anche per più committenti.

Il lavoro può essere svolto anche con partita IVA.




  • Collaborazioni occasionali, cioè quel rapporto di lavoro che si instaura fra un lavoratore autonomo e un committente e che non può avere durata superiore a 30 giorni lavorativi né un compenso superiore a 5000 euro nel corso dell’anno solare per lo stesso committente.

Per gli altri tipi di contratti, agli studenti lavoratori devono essere concessi dei diritti:

  • il lavoro deve essere organizzato su turni in modo da dare la possibilità allo studente di seguire i corsi e di studiare per gli esami;

lo studente deve poter usufruire di permessi retribuiti per sostenere gli esami.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.