Disoccupazione e lavoro occasionale come funziona


Disoccupazione e lavoro occasionale come funziona




Molte tipologie di lavoratori ogni anno presentano la domanda di disoccupazione ma ovviamente non a tutti spetta. I requisiti necessari per poter chiedere la disoccupazione sono: aver maturato 13 settimane contributive nei quattro anni precedenti al periodo di disoccupazione; 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti al periodo di disoccupazione.

Lavoro occasionale e disoccupazione cosa c’è da sapere

In molti si chiedono però se il pagamento disoccupazione sia compatibile con il lavoro occasionale.

L’Inps ancora non ha fornito una risposta in tal senso. Di certo il reddito derivante dalle prestazioni occasionali non è incompatibile con l’assegno della Naspi. È dunque probabile che l’Inps, nel caso in cui il lavoratore percepisca la o un altro sussidio equivalente, la sospenda soltanto, senza revocarla, scomputando i contributi previdenziali accreditati grazie alla prestazione occasionale dai contributi figurativi della Naspi.

A determinare l’accettazione della domanda della Naspi in questo caso è il reddito derivante dal lavoro occasionale. Il disoccupato che riceve non più di 3.000 euro non perde nemmeno un euro dell’indennità di disoccupazione. Queste informazioni sono verificabili sul sito dell’INPS dopo essersi iscritti ed aver ricevuto il PIN per entrare. Ricordiamo che nel Cassetto del cittadino sarò possibile controllare anche lo stato di avanzamento domanda di disoccupazione e anche gli accrediti Naspi che vengono fatti mensilmente.




Sopra tale cifra e sino a 7000 euro invece, il sussidio è ridotto in misura pari all’80% del reddito.

Diverso il discorso per quanto concerne il lavoro occasionale autonomo. In questo caso, se il lavoratore autonomo occasionale percepisce la Naspi o un’altra indennità equivalente, l’assegno viene ridotto in misura pari all’80% del reddito da lavoro autonomo occasionale, sino a un massimo di 4.800 euro annui. Se si supera questa soglia, si perde l’indennità e lo stato di disoccupazione.

Vogliamo infine ricordare che prima di fare la domanda per la Naspi di controllare i requisiti necessari e già valutare se rientriamo nel sostegno. In caso contrario evitate di presentare sia la domanda che di andare agli sportelli dell’Inps, in questo modo eviterete di intasare sia le sedi che la lavorazione delle domande. Si tratta in fondo di aumentare il proprio senso civico.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.