Disoccupazione chi ne ha diritto averla?


Disoccupazione chi ne ha diritto averla?




Il sussidio di disoccupazione per molti italiani è una fonte di sostentamento importante. Negli ultimi anni sono state apportate diverse modifiche a questo tipo di ammortizzatore sociale.

Hanno diritto alla Naspi, nuova assicurazione sociale per l’impiego, coloro i quali sono stati licenziati, per la mancata trasformazione dell’apprendistato in un contratto di lavoro, coloro i quali non hanno ottenuto il rinnovo di un contratto a tempo determinato. Questa domanda è tra le più fatte agli sportelli INPS, da sapere che la documentazione per richiedere la disoccupazione e fare domanda Naspi la si può trovare anche sul sito dell’INPS, inoltre tramite i servizi online sarà possibile controllare lo stato di avanzamento della domanda di disoccupazione che abbiamo fatto.

Non possono chiedere la disoccupazione coloro che si dimettono per loro libera scelta

La Naspi invece spetta per chi presenta le dimissioni motivate da giusta causa, ovvero quando la loro decisione dipende da fattori esterni alla propria volontà e solitamente imputabili all’azienda.

Ovviamente per vedere accettata la nostra domanda di disoccupazione dovremo essere in possesso di alcuni requisiti: aver maturato 13 settimane contributive nei quattro anni precedenti al periodo di disoccupazione; 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti al periodo di disoccupazione.




Comprensibilmente ci sono alcune categorie di lavoratori che non possono chiedere la disoccupazione ovvero i dipendenti a tempo indeterminato della Pubblica Amministrazione, agli extracomunitari che lavorano in Italia stagionalmente con regolare permesso e gli operai agricoli, qualunque sia la loro tipologia di contratto, a tempo determinato o indeterminato.

Calcolare la durata

Per calcolare la durata della Naspi bisogna quindi prendere come riferimento tutti i contributi
previdenziali versati nel corso dei 4 anni precedenti e dividerli per due; quindi, considerando che per
richiederla bisogna aver maturato almeno 13 settimane contributive, la durata minima è di 6 settimane.

Per calcolare la cifra del pagamento disoccupazione bisogna dividere il totale delle retribuzioni
imponibili ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni per il numero di settimane di contribuzione e
moltiplicare per 4,33.

Se l’importo è pari o inferiore ai 1.195 euro, il pagamento disoccupazione sarà determinato in misura
pari al 75% della retribuzione stessa. Se invece il risultato è maggiore, verrà aggiunto un importo pari al
25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.