Lavoro del futuro, Cyber security manager ecco cosa fa


Lavoro del futuro, Cyber security manager ecco cosa fa




Avere familiarità con il web e avere acquisito nel corso del tempo le cosiddette competenze liquide potrebbero essere i punti chiave per avere successo con il lavoro del futuro ma soprattutto capire quella che la professione più ricercata nel 2018 e negli anni a venire

Questo sarà certamente legato all’evoluzione del web e di internet che negli ultimi anni ha cambiato l’aspetto e l’assetto dell’intera società. I lavori digitali rappresentano una percentuale importante delle occupazioni, in futuro questi diverranno sempre di più.

Una delle figure di maggiore rilievo sarà quella del cyber security manager che svolge attività di prevenzione, rilevazione e risposta ad attacchi e minacce provenienti dal web e rivolti alla sicurezza di reti di computer e archivi di dati.

Lavoro del futuro, le mansioni del cyber security manager

Tra le mansioni del cyber security manager emergono per importanza la progettazione di piani di prevenzione,
mediante antivirus e interventi di anti-spionaggio, l’intervento sui software e le reti aziendali qualora la prevenzione non fosse sufficiente.




In funzione delle attività principali, il responsabile della sicurezza informatica deve, inoltre,
creare appositi antivirus e controllarne il corretto utilizzo da parte dell’azienda, effettuare test su sistemi e software,
individuare e risolvere imperfezioni o bug nelle applicazioni, aggiornarsi costantemente.

Il cyber security manager deve possedere competenze diversificate, in particolar modo dal punto di vista tecnico-specialistico, oltre che approfondite competenze informatiche riguardanti internet, server, reti e periferiche, software, piattaforme ed e-commerce,
linguaggi di programmazione.

Altro settore nel quale si potrà ottenere un’occupazione nel mondo dei lavori digitali è quello legato alla green economy,
ovvero il sistema economico dove oltre ai benefici di un certo regime di produzione si prende in considerazione anche l’impatto ambientale cioè i potenziali danni ambientali prodotti dall’intero ciclo di trasformazione delle materie prime a partire dalla loro estrazione,
passando per il loro trasporto e trasformazione in energia e prodotti finiti fino ai possibili danni ambientali che produce la loro definitiva eliminazione o smaltimento.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.