Artigiano nel settore alimentare: cosa occorre per inziare


Artigiano nel settore alimentare: cosa occorre per inziare




Anche chi vende prodotti alimentari può esser considerato artigiano. Tuttavia, ci sono alcune differenze tra l’attività artigianale all’attività di somministrazione dei cibi. Sostanzialmente, cibi e bevande di un ristorante riguardano la somministrazione alimentare, mentre una pizza al taglio riguarda un’attività artigianale di asporto cibi.

Da considerare che un imprenditore-artigiano si assume le piene responsabilità, oneri e rischi del suo lavoro e lavora quasi totalmente in modo autonomo. Detto questo, è considerato un artigiano alimentare colui che produce i propri alimenti da “libero professionista”. Inoltre alcuni di questi mestieri rientrano tra i lavori che saranno dimenticati a causa della troppa pressione fiscale e l’impossibilità di assumente apprendisti.

Cosa fanno gli artigiani alimentari

Nello specifico, la somministrazione di alimenti e bevande viene definita come “vendita per il consumo
sul posto, che comprende tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti nei locali dell’esercizio o in una
superficie aperta al pubblico, all’uopo attrezzati
”.

Per quanto riguarda l’attività artigianale alimentare, viene ritenuta tale “un’attività avente ad oggetto
la produzione di beni, anche semilavorati, la prestazione di servizi escluse le attività agricole e le attività di
prestazione di servizi commerciali, di intermediazione nella circolazione di beni o ausiliarie di queste ultime,
di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, salvo il caso che siano solamente strumentali
all’esercizio dell’impresa
”.




Fondamentalmente, ciò che distingue la somministrazioni di alimenti dall’attività artigianale è il
momento in cui il cibo viene consumato. Infatti, un ristorante con un servizio al tavolo risulta
un’attività di somministrazione, mentre una pizzeria d’asporto (in cui si consuma in un altro luogo) è
considerata un’attività artigianale.

Nella maggior parte dei casi, fino a che si consegna cibo e bevande che potranno esser consumati all’esterno del servizio offerto, si parla di attività alimentare artigianale. Inoltre, per esser definita tale a tutti gli effetti, è necessario presentare la SCIA presso la sede comunale più vicina e rispettare le normative igienico sanitarie.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.