Alberghiero di Ladispoli, bartender con l’alternanza scuola lavoro


Alberghiero di Ladispoli, bartender con l'alternanza scuola lavoro




Si sono conclusi in questi giorni all’Istituto Alberghiero di Ladispoli due degli oltre venti corsi attivati nell’ambito delle attività di Alternanza Scuola – Lavoro (gli altri continueranno a svolgersi fino ad aprile). “E’ stato un impegno notevole, ma siamo soddisfatti dei risultati raggiunti – hanno dichiarato Renato D’Aloia e Giovanna Albanese, Referenti della Commissione Alternanza Scuola-Lavoro – I corsi attivati stanno portando all’interno del nostro Istituto grandi professionisti dei settori enogastronomico e turistico, che potenzieranno la formazione degli allievi, focalizzandola soprattutto sulle attività pratiche di laboratorio. Si tratta di comparti in continua evoluzione, che richiedono un aggiornamento  costante. Nel nostro Istituto puntiamo da sempre a garantire un’offerta formativa di eccellenza, che si traduce in una qualificazione professionale coerente con le esigenze del mercato del lavoro”. In dirittura di arrivo due corsi dal forte richiamo occupazionale: Bartender (ma sarebbe più corretto dire, ormai, Bar&Chef) e Event Management.

Alberghiero di Ladispoli, oltre venti i corsi dell’alternanza scuola lavoro

Fra ‘latte art’, cocktail molecolari, emulsioni, gelificazioni e sferificazioni, il mestiere del barista è oggi quasi irriconoscibile. Si parla di Bar&Chef perché si richiedono ormai una preparazione e di un livello di specializzazione a 360°, con una piena e completa padronanza tecnica nel settore della miscelazione e della somministrazione non solo di bevande, ma anche di alimenti. A spiegare agli studenti tutti i segreti del mestiere è stato Fabrizio Paciosi, Responsabile dell’Azienda di Food&Beverage Management “SoluzioneBar”, specializzata nell’erogazione di servizi di Bar Catering a domicilio, per eventi di ogni genere.

Bartender, un lavoro sempre più richiesto

Professione di punta, insostituibile per allietare momenti ‘topici’ della vita quotidiana di ogni Italiano, il
barman attrae un pubblico che cresce di giorno in giorno. A parlare sono i dati. Solo per fare un
esempio, al fascino e all’atmosfera glamour di un rilassante aperitivo all’italiana, ormai pochi sanno
rinunciare. La tendenza spopola, dalle metropoli ai piccoli borghi, da Milano a Palermo. L’aperitivo made
in Italy, secondo il Censis, appassiona almeno 16 milioni e mezzo di Italiani: ci si intrattiene soprattutto
con gli amici (78%), meno con la famiglia (54%). Gli scopi sono, nell’ordine: incontrarsi (74%), rilassarsi
(68%), fare buona conversazione (55%), festeggiare un avvenimento particolare (45%) e, dulcis in fundo,
stuzzicare l’appetito (34%).




Dalla Torino del 1786 (dove, secondo la vulgata, Antonio Benedetto Carpano, in una piccola bottega di
liquori, avrebbe inventato il Vermouth) ad oggi, la fantasia si è sbizzarrita creando un infinito numero di
varianti, fino all’ultimo, l’happy-hour, che tuttavia – a detta dei rigoristi e dei puristi del genere – poco
avrebbe a che fare con l’aperitivo classico, rimandando semplicemente ad una iniziativa di marketing
nata nei pub anglosassoni (l’offerta di bevande alcoliche e di consumazioni a prezzo ridotto, per attirare
la clientela all’uscita dal lavoro).

Event Management, l’organizzazione perfetta

E mentre in un laboratorio dell’Alberghiero di Ladispoli si sviscerava l’arte della mixology con Fabrizio
Paciosi, in quello vicino si spiegavano i segreti dell’Event Management. Docente Daniela Luchetti,
wedding planner e floral designer. Emozionare, stupire, creare atmosfere: questa la difficile e
affascinante professione dell’organizzatore di eventi. La chiave del successo è abbinare la fantasia e la
creatività alla tecnica e al metodo. Diversi i tipi di eventi che richiedono l’ ‘arte della pianificazione’:
battesimi, feste di compleanno, comunioni, party aziendali, convegni, mostre e, ovviamente, matrimoni.

Dalla ricerca della location, alla selezione del catering, dall’acconciatura all’auto, dall’abito alla musica,
dalle luci ai fiori: niente deve essere lasciato al caso o all’improvvisazione nel ‘giorno del sì’.
Organizzare eventi significa ottimizzare la comunicazione, avvalendosi di un contatto diretto con il
pubblico. Molto più di un semplice strumento di marketing aziendale finalizzato alla generazione di
profitti, si tratta ormai di una leva strategica e decisiva della cosiddetta “comunicazione integrata”, che
permette di dare forma e visibilità ad ogni genere di iniziativa.

“I dettagli fanno la differenza ed ogni dettaglio è fondamentale” – ha spiegato Daniela Luchetti. In un
difficile bilanciamento fra estetica e funzionalità, compito del Wedding Planner e, in generale dell’Event
Manager, è andare costantemente alla ricerca del nuovo e del bello, mossi dalla creatività e dalla
curiosità.
Ad affiancare Daniela Luchetti nel corso tenuto all’Alberghiero di Ladispoli c’erano l’assistente Arianna
Moriconi, Roberto Cannaviello, fotografo, Francesco Fiorelli, Banqueting Manager e la grafica Tiziana
Onorato.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.