Alternanza scuola lavoro, quanto deve durare?


Alternanza




Per fare esperienza pratica delle competenze teoriche acquisite durante le lezioni, per avere maggiori opportunità nell’ingresso nel mondo del lavoro e per migliorare il proprio orientamento, sono stati istituiti percorsi di Alternanza scuola lavoro, una innovativa modalità didattica obbligatoria per i ragazzi delle scuole superiori (inclusi i licei).

I percorsi di apprendimento con Alternanza scuola lavoro

I percorsi di apprendimento con Alternanza scuola lavoro fanno parte del curriculum dello studente e sono dunque obbligatori per loro e verranno valutati da parte del consiglio di classe e avere una ricaduta sulla valutazione finale dello studente.

Per quanto riguarda la durata delle esperienze, il decreto legislativo 15 aprile 2005 n°77 prevede che l’Alternanza scuola lavoro debba durare, negli istituti tecnici e professionali, almeno 400 ore nel secondo biennio e nell’ultimo anno del percorso di studi.

Nei licei, invece, la durata complessiva deve essere di almeno 200 ore nel triennio.




In particolare gli studenti possono svolgere le attività pratiche previste da Alternanza scuola lavoro sia all’interno del monte ore annuale delle lezioni sia durante la sospensione delle attività didattiche (per esempio di pomeriggio o d’estate, soprattutto se le strutture ospitanti sono caratterizzate da attività stagionali).

Il calendario delle attività

Il calendario delle attività verrà stabilito in base al progetto formativo elaborato dalla singola istituzione scolastica, che dovrà valutare la formula organizzativa migliore per venire incontro alle esigenze del territorio, dei propri allievi (ad esempio se svolgono altre attività formative, come il Conservatorio) e della disponibilità delle strutture ospitanti ad accogliere gli studenti in Alternanza scuola lavoro.

Nel caso in cui le attività di Alternanza scuola lavoro si svolgano, del tutto o in parte, durante la sospensione delle attività didattiche, lo studente dovrà frequentare almeno tre quarti del monte ore previsto dal progetto.

Invece, nel caso in cui i periodi di Alternanza scuola lavoro si svolgano durante l’attività didattica, oltre a concorrere al calcolo del monte ore previsto dal progetto di Alternanza, questi concorrono anche al calcolo del limite minimo di frequenza delle lezioni (pari ad almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.