Alternanza scuola lavoro, che cos’è il registro nazionale


Alternanza




Alternanza scuola lavoro è una modalità didattica innovativa che mira a far acquisire esperienze pratiche agli studenti per favorire un più agevole ingresso nel mondo del lavoro e per consentire loro un miglior orientamento professionale.

Sono obbligati a frequentare i percorsi di Alternanza scuola lavoro

Sono obbligati a frequentare i percorsi di Alternanza scuola lavoro gli studenti degli istituti tecnici e professionali, per una durata complessiva, nel secondo biennio e nell’ultimo anno del percorso di studi, di almeno 400 ore.

Gli studenti dei licei, invece, devono svolgere tali attività pratiche per una durata complessiva di almeno 200 ore nel triennio.

Fra le strutture che possono ospitare percorsi di Alternanza scuola lavoro ci sono:




  • Imprese e rispettive associazioni di rappresentanza
  • Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura
  • Enti pubblici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore
  • Ordini professionali
  • Musei e altri istituti pubblici e privati operanti nei settori del patrimonio e delle attività culturali, artistiche e musicali
  • Enti che svolgono attività afferenti al patrimonio ambientale
  • Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI

Fra le varie cose che la struttura ospitante deve fare per attivare un percorso di Alternanza scuola lavoro (oltre a designare un tutor interno o esterno, identificare un’istituzione scolastica di riferimento, adoperarsi per costituire un rapporto collaborativo con l’istituzione scolastica), c’è l’iscrizione al Registro nazionale per l’Alternanza scuola lavoro.

Si tratta di un registro istituto a decorrere dall’anno scolastico 2015/2016, presso le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. Su questo registro si possono consultare gratuitamente le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili a svolgere i percorsi di Alternanza scuola lavoro.

Inoltre sono indicati:

  • il numero massimo di studenti che si è disposti ad ospitare
  • i periodi dell’anno scolastico in cui svolgere l’attività
  • le collaborazioni con altri operatori, ovvero quei soggetti (enti, associazioni, camere di commercio, scuole, enti di formazione ecc.) con cui sono stati attivati percorsi di alternanza
  • quale sarà l’attività da svolgere
  • le figure professionali richieste
  • dove si svolgerà l’attività (indirizzo completo)
  • i contatti
  • tutte le altre eventuali ulteriori informazioni ritenute utili alle istituzioni scolastiche



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.