Informatizzazione del lavoro, parola chiave: trasformazione


Informatizzazione del lavoro, parola chiave: trasformazione




Un tempo si poteva gestire il proprio lavoro seguendo dei percorsi differenti, caratterizzati dall’utilizzo di procedure
che oggi non sono più messe in pratica.
Negli uffici esistevano i “faldoni”, le pile di documenti e le “scartoffie” da andare a gestire manualmente.
Negli ultimi decenni c’è stata però una trasformazione che ha portato al cambiamento dei sistemi di gestione dei
documenti e del lavoro stesso.

L’introduzione dei primi computer

In molti uffici, già all’inizio degli anni novanta è stato possibile vedere una vera e propria rivoluzione, quella
rappresentata dall’introduzione dei primi computer, ammirati e temuti da tutti gli impiegati del tempo, che sentivano
parlare delle sue prodezze ma che ne restavano cautamente a distanza.
Come spesso capita, erano le persone più avanti con l’età a rappresentare la più grande fetta di lavoratori che
dichiaravano di volerci avere nulla a che fare.
Se un tempo era necessario archiviare tutto a mano tanto tempo per ritrovare anche un solo documento, con l’informatizzazione dei settori lavorativi questo aspetto è notevolmente cambiato.

Anche se la trasformazione è iniziata più di vent’anni fa, ed è ancora in atto, tante persone continuano ad essere restie
e a non volersi adeguare all’utilizzo delle nuove tecnologie per lo svolgimento della propria attività lavorativa in modo
più efficiente, complice anche il fatto che oramai le novità sono all’ordine del giorno, spesso non si fa in tempo ad
abituarsi ad un programma o ad un macchinario che ne spunta subito fuori uno nuovo.
È soprattutto per questi motivi che in molti ambienti, soprattutto nel settore privato, si è sentita e si sente tutt’ora
la necessità di affidarsi a mani esperte per preparare il personale ad affrontare in maniera più produttiva e soddisfatta
la propria convivenza con computer, programmi e macchinari all’avanguardia.

La rivoluzione informatica

Proprio allo scopo di andare ad aggiornare i vecchi tipi di sistemi di gestione, gli uffici meno moderni e le loro attività,
ci si è spesso rivolti a soggetti esperti nel settore.
La consulenza informatica è di certo uno dei perni della modernizzazione di un’azienda, dato che spesso non ci si
occupa solo di aggiornare i sistemi, ma di permettere ai lavoratori di dominarli in tutto e per tutto.
Le consulenze informatiche che vengono gestite in maniera efficiente e professionale, consentono di far combaciare
le nuove tecnologie con qualsiasi tipo di attività, dalla piccola impresa a gestione familiare fino alla grande azienda,
di qualsiasi categoria facciano parte.




La presenza delle connessioni di rete ha certamente facilitato il lavoro e lo scambio di informazioni ma deve essere
ovviamente utilizzata da qualcuno che sappia dove metter mano, ed anche in questo senso il consulente ha un ruolo
chiave per permettere ai lavoratori di imparare, trasformando il loro modo di rapportarsi al mondo del lavoro o
semplicemente aggiornandolo.
Per questo motivo, i consulenti non si occupano solo di costituire il “parco computer” delle aziende a livello fisico,
e di approntare i software necessari per il loro funzionamento, ma scenderanno in campo, in nome della trasformazione,
anche per realizzare corsi di formazione specifici o gestire eventuali problematiche, soprattutto nel caso in cui
l’azienda operi principalmente online come avviene spesso per alcuni servizi come gli e-commerce.

Questi continui aggiornamenti sono importanti non solo per rendere i propri dipendenti più veloci ed efficienti,
ma anche capaci di gestire in autonomia il proprio lavoro migliorando l’affidabilità e la gestione delle criticità in
favore sia di loro stessi che del il datore di lavoro.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.