Codice SDI, che cos’è 


Codice




Dal primo gennaio 2019 è stato introdotto l’obbligo di fatturazione elettronica e può essere capitato di sentire spesso parlare di codice SDI. Il codice SDI, anche detto codice destinatario, non è altro che un codice alfanumerico di 7 caratteri che indica il destinatario di una fattura elettronica. Per chi ha un lavoro in proprio è uno dei passaggi fondamentali da fare.

A cosa serve il codice SDI

Nel caso in cui il destinatario della fattura elettrica fosse la Pubblica Amministrazione, allora il codice SDI viene detto codice univoco ufficio (CUU) o codice iPA.

Invece, il codice destinatario di un soggetto che possiede la Partita IVA può coincidere con l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) registrata alla Camera di Commercio.

Tuttavia, nel caso non si conoscesse questo codice, il fornitore potrà indicare in fattura un codice a 7 zeri (0000000), in modo che il destinatario riceverà comunque le fatture o nel cassetto fiscale o nello strumento che ha precedentemente indicato sul portale dell’Agenzia delle Entrate.




Questa è una possibilità che l’Agenzia delle Entrate ha pensato per i contribuenti che non hanno la Partita IVA che però sono destinatari di fatture (come i privati).

Se un titolare di Partita IVA ha registrato il codice

Quindi, se un titolare di Partita IVA ha registrato il codice destinatario presso l’Agenzia delle Entrate, non dovrà comunicarlo ai suoi fornitori: è sufficiente che il suo fornitore metta sette zeri (0000000) nel campo “Codice destinatario” affinché la fattura elettronica venga recapitata correttamente al suo destinatario.

Infine, nel caso di emissione di fatture elettroniche verso i clienti dei Paesi dell’UE o extra UE, il codice previsto dall’Agenzia delle Entrate è formato da sette X (XXXXXXX).

Data l’importanza che il codice SDI ha nell’ambito della fatturazione elettronica, è possibile che, come ora c’è un legame fra questo codice e la Partita IVA, magari in futuro il codice destinatario sarà collegato al codice fiscale, così che tutti potranno ricevere le proprie fatture elettroniche, anche se non possiedono la Partita IVA (come i privati cittadini, ad esempio condomini e associazioni).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.