Perché Settembre è il periodo migliore per cercare lavoro?


Perché




Settembre è il momento della ripartenza per molti settori dell’economia. Ricominciano le scuole, terminano i periodi di ferie per manager e recruiter, le aziende iniziano a sviluppare nuovi progetti. Un mese di passaggio, tra la fine del periodo estivo e l’inizio di un nuovo anno lavorativo.

I numeri, del resto, parlano chiaro e dicono che settembre è il mese delle assunzioni, con picchi che superano il 15% rispetto agli altri mesi dell’anno. Un dato che promette di essere rispettato anche nel 2021 grazie alle notizie incoraggianti riguardo la pandemia che vedono, a fronte di una percentuale di circa il 70% delle persone vaccinate, una stabilità della situazione Covid-19.

Settembre: inizia un nuovo ciclo per l’economia

A settembre il mercato si riattiva dopo la pausa estiva e inizia, per tutte le aziende, un nuovo ciclo di business. A incidere, come testimonia una ricerca de Il Sole 24 ore, sono molteplici variabili che vanno dalla chiusura dell’anno fiscale alla ciclicità del mercato fino ai criteri di ricerca di personale delle aziende.

Oggi sono diversi i sistemi con cui cercare lavoro e l’online sta conoscendo uno sviluppo senza precedenti. Oltre ad avvalerti dei social, Linkedin ma non solo, puoi consultare la sezione Lavora con noi sui siti web delle aziende oppure sfogliare gli annunci pubblicati da Agenzie per il Lavoro come 360 Forma, dove sono disponibili proposte diverse per molteplici professioni e puoi comodamente candidarti da un qualsiasi dispositivo mobile. Consulta le offerte di lavoro su 360 Forma!




 Settembre è il momento migliore perché entrano in atto i piani di sviluppo delle aziende e si definiscono le figure professionali necessarie per la resa operativa. Inoltre, si inizia anche a pensare a contratti di lavoro di lungo periodo, diversamente dalla stagione estiva che è incentrata su tipologie contrattuali stagionali.

Un ricambio che interessa un’ampia fascia generazionale. Otre ai neolaureati e ai giovani in generale, anche gli over 35 rientrano nelle ricerche effettuate dai recruiter aziendali. Con una spinta che non ha uguali durante gli altri mesi dell’anno.

Quali sono i criteri di selezione del personale

Le offerte di lavoro riguardano settori diversi tra loro. La ricerca del lavoro parte, per tutte le situazioni, dall’adeguata preparazione del curriculum che dovrà essere in grado di fornire un’immagine che rispecchi la persona e, allo stesso tempo, riesca a rispondere a quanto esplicitato dall’offerta di lavoro. Tra le figure interessate ci sono profili mediamente qualificati che includono artigiani, operai specializzati, professioni esecutive d’ufficio e di tipo commerciale. L’età media preferenziale è quella che va dai 24 ai 34 anni.

Ma settembre è anche un buon momento per quanti rientrano nella categoria di personale qualificato, con un’ampia esperienza alle spalle. I dati di surplus di assunzione parlano di una percentuale che può raggiungere anche un +18%.

Fondamentali, oltre alle competenze specifiche del candidato, anche le sue doti personali. La gradevolezza dei modi, la capacità organizzativa, il saper lavorare in squadra ma anche una buona dose di umiltà sono tra i criteri cui i selezionatori prestano maggiore attenzione, anche per i ruoli di leadership. Importante, quindi, non dare informazioni non veritiere o esagerate. È bene prepararsi al colloquio di lavoro avendo consapevolezza dei propri pregi ma anche delle mancanze, dando l’immagine di sé più sincera possibile sia dal punto vista professionale che umano.

 



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.