Baby sitter, come gestirla in tempo di covid


Baby sitter




Sono tanti i genitori che durante quest’emergenza Covid hanno richiesto l’aiuto di una baby sitter. Si pensi ad esempio a tutti i genitori lavoratori che non sapendo a chi lasciare i propri ragazzi durante le lezioni di scuola in modalità “didattica a distanza”, hanno dovuto rivolgersi ad una baby sitter. Per questo che si deve conoscere come gestire il lavoro post coronavirus per avere ambienti sanificati e soprattutto fuori pericolo.

Ma sono anche tanti coloro che già avevano una baby sitter ma che per paura dei contagi hanno deciso di non chiedere più il suo aiuto per non avere “persone estranee” in casa durante il periodo della pandemia.

Come si gestiscono i rapporti con la baby sitter in questo periodo di pandemia?

Innanzitutto, se si decide di non volere più l’aiuto della baby sitter in casa, è necessario trovare un accordo tra le parti.

Si può valutare per la baby sitter un periodo di ferie, di permessi retribuiti o di permessi non retribuiti (le ferie e i permessi retribuiti sono ovviamente pagati dal datore di lavoro, cioè dalla famiglia). Il consiglio è di mixare queste soluzioni, trovando ovviamente un accordo tra le parti, in modo da non creare attriti ma di risolvere la situazione nel modo più pacifico possibile.




Se la baby sitter non ha ancora maturato i giorni necessari, è possibile anche anticipare le ferie.

Anche se la baby sitter decide di non voler più lavorare presso quella famiglia, è necessario arrivare ad un accordo fra le parti che deve essere fatto in forma scritta e firmato dalle parti.

Bisogna indicare:

  • nome e cognome del datore di lavoro
  • nome e cognome del lavoratore (baby sitter)
  • data di inizio e di fine dell’accordo
  • regole decise dalle parti

Un’altra circostanza può essere quella in cui la baby sitter sia in malattia: in questo caso, è necessario un certificato medico che attesta la malattia.

I primi 3 giorni di malattia sono pagati dal datore di lavoro la metà, poi il 100% fino a un massimo di 15 giorni (dopo quel periodo la baby sitter non viene più retribuita).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.