Gommista, come trattare i rifiuti speciali


Gommista




Aprire un’officina gommista è una decisione che viene presa da tanti giovani che decidono di mettersi in proprio. Per intraprendere un’attività del genere occorrono, ovviamente, delle competenze e delle abilità e dunque dei requisiti:

  • aver conseguito una laurea in materie tecniche o ingegneria o, in alternativa, un diploma da perito industriale;
  • aver conseguito un attestato regionale di qualifica professionale in materie tecniche/ industriali e aver svolto un anno di esperienza nel settore presso una ditta abilitata;
  • aver maturato un’esperienza di lavoro di tre anni negli ultimi 5 anni presso una ditta abilitata.

Inoltre, è necessario seguire uno specifico iter burocratico

Inoltre, è necessario seguire uno specifico iter burocratico (come ad esempio, aprire la Partita IVA e iscrivere l’azienda al Registro delle Imprese presso la Camera di commercio).

Bisognerà, poi, ottemperare a degli specifici adempimenti presso il Comune: questo trasmetterà gli atti ricevuti ai Vigili del Fuoco e alla ASL affinché procedano agli opportuni sopralluoghi per verificare il rispetto delle norme di sicurezza e di igiene dei locali in cui verrà svolta l’attività.

Il locale, infatti, deve essere spazioso perché al suo interno devono essere ospitate le auto da sottoporre ad intervento, i macchinari, le attrezzature e il mobilio.




Inoltre, deve esserci un ufficio vendita nonché un magazzino per gli pneumatici e un’area per lo stoccaggio destinato allo smaltimento.

In un’officina gommista, infatti, si viene a contatto con alcuni rifiuti speciali che devono essere smaltiti correttamente: si fa riferimento, in particolare, agli pneumatici.

Questi si distinguono in:

  • fuori uso (quelli che non potranno più essere utilizzati come tali e che quindi diventeranno rifiuti);
  • usati (possono essere ancora usati per svolgere la propria funzione originaria).

I pneumatici fuori uso sono rifiuti non pericolosi ma speciali: dunque, una volta che il gommista si rende conto che lo pneumatico lasciato dal suo cliente non è reimpiegabile o ricostruibile, se ne disfa, rendendolo un rifiuto.

Infatti, verrà avviato al recupero, una volta affidato gratuitamente al Sistema Nazionale di riferimento.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.