Artigianato, quale ramo è ancora molto attivo


Artigianato




Nonostante nei primi sei mesi del nuovo anno si sia registrato un declino nel settore artigiano, in realtà, il declino non ha interessato tutte le categorie di artigiani. In effetti, il settore artigiano più colpito dalla crisi è quello dell’autotrasporto seguito dalle attività manifatturiere e dell’edilizia.

Questo ha portato molte imprese e piccole imprese, soprattutto al Sud, a chiudere i battenti per via della crisi, delle tasse e della burocrazia che impediscono l’assunzione di manodopera giovane. Allo stesso modo, i giovani non si avvicinano al mondo dell’artigianato e del lavoro manuale, così restano scoperti lavori come tornitore, fresatore, verniciatore, battilamiera e così via.

Questo soprattutto al Nord in cui è difficile trovare figure che svolgano questi lavori.

Il lavoro artigiano, infatti, è sempre più visto come un lavoro di serie B e adatto a chi non vuole studiare: questa visione ha contribuito a portare al declino il settore dell’artigianato. Infatti, bisogna fare in modo che i giovani si avvicinino di nuovo ai lavori manuali comprendendo quante opportunità siano nascoste in questo settore che è sempre stato un fiore all’occhiello dell’Italia.

Comunque, nonostante il trend sia stato negativo per tutto il settore, alcuni mestieri artigiani hanno affrontato la crisi meglio di altri: è il caso di artisti come tatuatori, sarti di abiti da cerimonia, panettieri e pasticceri, giardinieri, meccanici industriali e servizi alle imprese. In particolare, dunque, i lavori artigiani che rientrano in “Altri servizi alla persona”, hanno reagito meglio alla crisi uscendone indenni.




Si tratta di lavori come tatuatori e specialisti dei piercing, le imprese artigiane del settore pulizia degli edifici, giardinieri, le agenzie di disbrigo pratiche, meccanici industriali, fornai e pasticceri, sarti per cerimonie. Sono anche chiamati “mestieri anticrisi” quelli di parrucchieri ed estetisti, tappezzieri e carpentieri, giardinieri, fornai e pasticceri, imprese di pulizia che, anzi, attirano sempre più giovani che, ogni anno, frequentano corsi professionalizzanti per imparare questi mestieri.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.