Artigianato, ci sono agevolazioni fiscali?


Artigianato




L’artigiano secondo la legge 8 agosto del 1985 è  “colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare, l’impresa artigiana, assumendone la piena responsabilità con tutti gli oneri ed i rischi inerenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo”. Negli ultimi mesi, il settore dell’artigianato ha subito un declino dovuto alla crisi, alle tasse e alla burocrazia.

Artigianato, rilanciare il settore

Proprio per rilanciare questo settore, sono previste delle agevolazioni e dei finanziamenti per gli imprenditori artigiani proprio per evitare che alcuni lavori scompaiano. In particolare, questo è quanto afferma la legge 949/52: questa legge consente l’accesso al credito alle imprese artigiane in difficoltà economica.

Questa legge vuole permettere alle imprese artigiane di investire nella propria attività, migliorandola e ampliandola, ottenendo dei contributi in conto interesse o in conto capitale. Per poter usufruire di questa agevolazione, è necessario che l’attività artigianale sia finalizzata alla produzione di beni, semilavorati compresi o alla prestazione di servizi. I destinatari sono le micro imprese cioè imprese con meno di 10 lavoratori e che realizzano un fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro.




Le imprese devono, inoltre, essere iscritte all’albo degli Artigiani e i settori artigiani interessati dalla legge sono:

  • commercio;
  • industria;
  • settore audiovisivo;
  • costruzioni;
  • farmaceutico;
  • energia;
  • ITC;
  • trasporti;
  • settore alimentare.

In particolare si potranno utilizzare le agevolazioni per:

  • acquistare macchinari e attrezzature varie;
  • costituire materie prime, semilavorati e scorte di magazzino;
  • ampliare, costruire e ammodernare gli spazi laboratoriali.

Inoltre, altre spese agevolative sono:

  • servizi di formazione e qualificazione del personale;
  • sistemi di qualità aziendale;
  • campagne di marketing;
  • partecipazione a fiere e manifestazioni;
  • acquisto di software, brevetti e licenze.

Sono finanziabili tutte le spese sostenute nei sei mesi precedenti la data di presentazione della domanda di finanziamento. Il contributo può coprire fino al 100% dell’investimento per un massimo di 500 mila euro.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.