Artigianato, che contratti si utilizzano


Artigianato




Le attività artigianali sono sempre state un fiore all’occhiello del nostro paese, dal settore alimentare a quello legato alla manifatturiera ma che ad oggi, purtroppo sono lavori che stanno scomparendo, ma quali sono le attività artigianali principali? Sono quelle che attengono a:

  • attività di servizi alla persona (acconciatori, estetisti, massaggiatori);
  • attività del benessere (tatuatori e piercing);
  • attività nel settore dell’alimentazione (gelaterie, rosticcerie, kebab e gastronomie);
  • attività nel settore non alimentare (fabbri, falegnami, fotografi, orafi, vetrai, sarti).

Artigianato, gli imprenditori

Le attività artigianali sono svolte da imprenditori artigiani, ovvero “colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare, l’impresa artigiana, assumendone la piena responsabilità con tutti gli oneri ed i rischi inerenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo”.

Il CCNL Artigianato prevede che i contratti di questo settore contengano:

  • data di assunzione;
  • tipo di lavoro svolto e rapporto instaurato col datore;
  • durata del periodo di prova;
  • modi di retribuzione.

In particolare, il CCNL artigianato è un contratto per le imprese artigiane che operano nel settore calzaturiero, dell’abbigliamento e tessile. Il presente contratto si applica ai lavoratori dipendenti delle imprese artigiane del settore tessile-abbigliamento-calzaturiero compresi i seguenti comparti:




  • alta moda;
  • tessile tradizionale;
  • lavorazione e confezione di calzature;
  • lavorazione e confezionamento su misura di vestiario;
  • modisterie;
  • lavorazione e confezione di pellicceria;
  • lavorazione di articoli realizzati in pelle e cuoio;
  • creazione di guanti;
  • lavorazione o confezione su misura o a mano di vari generi di vestiario;
  • riparazione oggetti in pelle, cuoio e scarpe;
  • rammendo;
  • merletti;
  • ricamo;
  • bomboniere in tessuto;
  • borse e pelletteria varia con ricami realizzati ad uncinetto;
  • retine per capelli;
  • modelli in carta;
  • fiori artificiali;
  • foulard e ventagli;
  • articoli da cucito;
  • realizzazione e confezione di oggetti sacri.

Un tipo di contratto del settore è quello dell’apprendistato, in quanto, per imparare il mestiere dell’artigiano, è importante essere affiancati da un esperto per un certo periodo di tempo. Un apprendista è il lavoratore che viene assunto dall’azienda per un addestramento pratico atto a conseguire la qualifica professionale. L’apprendistato dura quattro anni e per quanto riguarda l’assunzione, l’orario di lavoro e le ferie valgono le norme di legge.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.