Agriturismo, quali permessi occorrono per essere in regola


Agriturismo




Quando si parla di apertura agriturismo e di attività agrituristica, si intendono “le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli anche nella forma di società di capitali o di persone, oppure associati fra loro, attraverso l’utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali”

Ottenere l’abilitazione ad aprire un agriturismo

Per ottenere l’abilitazione a svolgere l’attività agrituristica, è necessario ottenere dei permessi e soddisfare degli adempimenti burocratici che variano spesso da Regione a Regione, pur comunque essendoci delle linee comuni previste, a livello statale, da quanto stabilito dalla legge 20 febbraio 2006 n.96.

Innanzitutto, bisogna dimostrare che ci sia un rapporto di connessione all’attività agricola principale che deve restare prevalente rispetto a quella agrituristica. L’autorizzazione per aprire un agriturismo deve essere rilasciata dal Comune: l’iter amministrativo per poter ottenere questa autorizzazione, come detto, dipende dalle procedure e dai documenti stabiliti a discrezione dalle varie Regioni.




Iscrizione presso le Commissioni Provinciali per gli agriturismi

In generale, si può dire che le Regioni istituiscono degli elenchi regionali o provinciali dei soggetti idonei a svolgere attività agrituristica (vengono iscritti solo i soggetti che possiedono determinati requisiti). Infatti, solo dopo aver ottenuto l’iscrizione presso le Commissioni Provinciali per gli agriturismi, si può iniziare l’opera di allestimento dell’agriturismo e quindi degli alloggi, dei punti di ristoro e dei servizi ricreativi e non.

Dopo aver completato i lavori, si può richiedere l’autorizzazione al proprio Comune di appartenenza, allegando l’iscrizione agli elenchi e tutti gli altri documenti necessari. Il Comune, a questo punto, può accogliere o meno l’autorizzazione entro il termine stabilito a livello regionale (nel caso in cui non ci sia alcuna risposta, si applica il principio del silenzio assenso e quindi l’autorizzazione viene concessa).

Gli altri adempimenti sono quelli che fanno riferimento a:

  • autorizzazione del sindaco per lo svolgimento dell’attività;
  • autorizzazione dei Vigili del fuoco;
  • autorizzazione per l’installazione delle insegne e dei cartelli segnaletici stradali;
  • libretto di idoneità sanitaria e autorizzazione sanitaria per i locali.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.