Cake design come freelance, quale partita IVA


Cake design come freelance, quale partita IVA




Il cake design è l’arte di decorare le torte con la pasta di zucchero: un’attività che richiede precisione, pazienza e tanta creatività. Ovviamente, bisogna dotarsi degli strumenti giusti per potere creare dei risultati finiti belli da vedere, senza dimenticarsi anche del gusto. Ma che cos’è il cake design?

Il cake designer non è necessariamente un pasticciere, infatti, molto spesso, si tratta di una persona che coltiva questa passione e che poi vuole farla diventare una vera e propria professione.

Cosa fare per avviare l’attività di cake design

Quando si decide di diventare cake designer, bisogna prendere in considerazione diversi investimenti da fare per:

  • I corsi di formazione e di aggiornamento;
  • l’attrezzatura;
  • l’eventuale affitto o acquisto di un laboratorio;
  • i costi degli adempimenti burocratici dal punto di vista igienico-sanitario;
  • gli altri adempimenti (come apertura della Partita IVA e iscrizione alla Camera di Commercio).

Dunque, non bisogna improvvisarsi perché ci sono delle regole ben precise da rispettare nel caso si voglia diventare cake designer freelance e realizzare le proprie torte per determinati committenti.




Infatti, per legge, non si possono creare delle torte in casa propria destinate alla vendita poiché è necessario rispettare determinate regole dal punto di vista igienico-sanitario.

Per diventare un cake designer professionista, bisognerà seguire un preciso iter:

  • acquistare un locale da adibire a laboratorio che rispetti le norme dell’HACCP;
  • richiedere l’apertura della Partita IVA all’Agenzia delle Entrate e l’iscrizione alla Camera di Commercio;
  • iscriversi all’INPS o all’INAIL.

Nel caso, invece, si voglia fare il cake designer a domicilio (senza aver bisogno, quindi, di acquistare un locale per attività artigianali), l’iter da seguire è:

  • fare richiesta del libretto sanitario come titolare presso l’ASL di competenza nell’Ufficio Igiene Pubblica;
  • richiedere la DIA, cioè l’Autorizzazione Sanitaria per l’attrezzatura;
  • aprire la Partita IVA come professionista;
  • iscriversi alla gestione separata dell’INPS.

Dopo tutti questi adempimenti, sarà possibile realizzare le proprie torte per vari committenti (sale di ricevimento, banchetti vari oppure in collaborazione con wedding planner).



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.