Cake design, serve l’HACCP?


Cake design, serve l’HACCP?




Il cake design sta diventando sempre più una tendenza in fatto di decorazioni per torte, tanto che molte persone che si davano a questa arte semplicemente per passione, l’hanno trasformata nella loro professione.

Cake design, come farla diventare una professione regolare

Tuttavia, affinché diventi una professione regolare (anche dal punto di vista legislativo), è necessario formarsi adeguatamente e tenere in considerazione alcuni aspetti molto importanti:

  • essere dei bravi pasticceri (non è essenziale avere un titolo ma è evidente che le torte non debbano essere solo belle esteticamente ma anche buone da mangiare);
  • utilizzare degli ingredienti di buona qualità;
  • avere precisione e pazienza;
  • essere creativi e fantasiosi.

Spesso si può imparare tramite dei video presenti su Internet oppure frequentare dei veri e propri corsi dove imparare la tecnica e l’utilizzo adeguato degli strumenti nonché come rendere le torte più belle posizionando gli oggetti su di essa in maniera armoniosa.




La scelta, in seguito, è quella di aprire un proprio laboratorio oppure realizzare le torte a domicilio.

Quando si apre un locale destinato ad attività artigianali bisogna:

  • dichiarare l’attività alla ASL con DIA sanitaria e con SCIA (dichiarazione inizio attività) al Comune;
  • ottenere l’HACCP: spesso molti corsi di cake design, prevedono un vero e proprio modulo con attestato con l’HACCP, altrimenti bisognerà richiederlo a parte;
  • aprire una Partita IVA.

Se, invece, si vuole essere un cake designer a domicilio, l’iter è questo:

  • superare il corso di HACCP;
  • aprire la Partita IVA e iscriversi alla Camera di Commercio;
  • avere l’autorizzazione sanitaria per l’attrezzatura che si utilizzerà in casa.

Nel caso si tratti di collaborazioni occasionali, non sarà obbligatorio aprire la Partita IVA (fino ai 5000 euro netti all’anno) né iscriversi alla gestione  separata INPS ma sarà obbligatorio emettere una ricevuta (senza IVA) soggetta a ritenuta del 20%.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.