Ditta individuale o libero professionista cosa scegliere?


Ditta individuale o libero professionista cosa scegliere?




Quando si vuole iniziare un’attività lavorativa da singolo, ci sono innumerevoli domande che ci si pone, una tra queste è se è meglio iniziare un lavoro da libero professionista o aprire una ditta individuale. Ci sono delle principali differenze da conoscere, vediamo di seguito quali sono, quindi è bene conoscere tutto quello che c’è da sapere sulla ditta individuale se avete intenzione di intraprendere questa strada.

Un esempio di ditta individuale, può essere fatta dagli artigiani o dai commercianti e per iniziare le loro attività devono obbligatoriamente aprire una partita IVA, iscriversi al registro delle imprese e alle varie categorie di imprenditori, soprattutto se si appartiene a categorie particolari.

Per quanto riguarda i liberi professionisti invece, questi sono obbligati ad iscriversi all’Albo di appartenenza e quelli non iscritti ad Albi professionali sono conosciuti come senza Ordine. Quindi per quanto riguarda l’iscrizione ad albi o registri la situazione è similare ma le cose che cambiano sono a livello fiscale, previdenziale e amministrativo.

Ditta individuale o libero professionista, le differenze

La prima differenza che si può trovare tra una ditta individuale e un libero professionista, è senza
dubbio la situazione fiscale. Questo perché per i professionisti si segue il principio di cassa. Per quanto
riguarda invece le ditte individuali, si segue il principio della competenza.




A livello previdenziale le ditte individuali invece, devono iscriversi alla Gestione IVS per Artigiani e
Commercianti dell’INPS, in più bisogna versare delle quote fisse che ammontano a circa 3.600 euro. Se
si supera però il reddito di 15548 euro allora bisogna versare i contributi con un’aliquota del 21% fino al
raggiungimento del reddito massimo consentito.

È stato inoltre inserito dalla Legge di Stabilità, per coloro che usano il regime forfait, uno sconto del 35% dei contributi fissi, arrivando così ad una quota pari a 2400 euro circa.

Il libero professionista invece deve iscriversi alla sua Cassa di appartenenza e in assenza di una di queste, deve farlo alla gestione separata INPS. Il contributo previdenziale è calcolato sull’utile che viene percepito in percentuale con un’aliquota del 27,72%. Il libero professionista ha anche il diritto di addebitare al cliente un +4% in fattura per il pagamento degli oneri.

Ditta individuale o libero professionista, le differenze amministrative

Dal punto di vista amministrativo, le ditte individuali devono iscriversi al registro delle imprese
effettuando una Comunicazione Unica che comporta dei costi quali: 18 euro per i diritti di segreteria, 57
euro di camerale annuale e 17,50 di marca da bollo.

Per ulteriori notizie non resta che recarsi da un consulente esperto che sicuramente scoverà ulteriori
differenze o cavilli che possono aiutare i clienti.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.