Legge 104, dove si deve presentare la domanda


Legge 104, dove si deve presentare la domanda




La legge 104 è la formulazione normativa che regola la fruizione dei permessi dal lavoro nel caso in cui si possegga la qualifica di lavoratore dipendente, e molti altri requisiti. In pratica questa legge permette ad un lavoratore, assunto con contratto di lavoro dipendente, di usufruire di 3 giorni di assenza retribuita dal lavoro ogni mese, anche frazionabili in ore. Uno dei requisiti fondamentali per poter beneficiare dei diritti che questa legge attribuisce è quello di avere un familiare con handicap grave e certificato (da una commissione ASL apposita).

Ma dove si deve presentare la domanda? Come si articola, in breve, il processo di presentazione ed accettazione della domanda? Innanzitutto, sarà necessario presentare domanda all’INPS, in modo tale che venga rilasciato un certificato che attesti l’handicap grave e che riconosca le agevolazioni connesse alla legge 104. In un secondo momento, dovrà essere re-inoltrata una seconda domanda all’INPS e al proprio datore di lavoro.

Diritti e doveri della legge 104

Ovviamente quando si presenta la documentazione per la legge 104 è bene sapere che esistono sia diritti ma anche doveri relativi.

I diritti spettanti grazie alla legge 104 sono numerosi e riguardano sia la persona fisica (direttamente
interessata dal rapporto lavorativo dipendente) sia eventuali parenti o affini del lavoratore
dipendente(quindi anche i figli, certificati con handicap grave). Completano, poi, il quadro dei diritti il
congedo per i figli disabili, i permessi retribuiti, il congedo straordinario, la scelta della sede di lavoro, il
rifiuto al trasferimento, al lavoro notturno e a quello festivo, agevolazioni fiscali, eccetera.




I doveri che entrambe le parti (nello specifico, il lavoratore e il datore) sono obbligate ad adempiere,
secondo la legge 104, sono essenzialmente due: il primo, in capo al lavoratore dipendente, è quello di
richiedere i permessi con sufficiente anticipo al proprio datore di lavoro (in modo tale da permettergli
di organizzarsi al meglio); il secondo, in capo al datore di lavoro, obbliga quest’ultimo a non rifiutare la
“richiesta di permesso retribuito”.

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.