Lavoro, dove è obbligatorio il green pass 


Lavoro




Dal primo settembre 2021 molte persone, per poter andare a lavoro, devono possedere il green pass, una certificazione, in formato digitale e stampabile, che attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti Covid-19 (in Italia viene emesso sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale)
  • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore
  • essere guariti dal Covid-19 negli ultimi sei mesi

I primi lavoratori obbligati a possedere il green pass

I primi lavoratori obbligati a possedere il green pass, sin da aprile 2021, sono coloro che lavorano nel settore della sanità (chi esercita professioni sanitarie e gli operatori che lavorano in strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, in farmacie, parafarmacie e negli studi professionali).

Dal primo settembre 2021 e per il momento fino al 31 dicembre 2021 sono obbligati a possedere il green pass anche docenti, presidi e assistenti tecnici amministrativi delle scuole.

Il nodo da sciogliere riguarda i lavoratori del settore pubblico.




Il green pass, infatti, è obbligatorio per accedere a ristoranti al chiuso, musei, palestre, piscine, centri benessere, convegni, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali, sale gioco, concorsi pubblici, ma non è specificato se coloro che lavorano in queste strutture siano obbligati a possederlo.

Lo stesso riguarda i lavoratori del settore dei trasporti.

È per questo che si sta dibattendo molto se il green pass debba divenire obbligatorio per tutte quelle persone che lavorano a contatto con il pubblico.

A esprimere un parere favorevole all’obbligo del green pass per questi lavoratori è Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene all’Università Cattolica e consulente del ministro della Salute Speranza, che ha dichiarato che “andrebbe preso in considerazione l’obbligo del green pass per gli statali, le forze dellordine e gradualmente per tutte le attività che prevedono assembramenti al chiuso”.

Il ministro della salute Speranza si dice favorevole ad introdurre l’obbligo di green pass anche per coloro che lavorano in azienda (dove attualmente il certificato serve solo per accedere ai tavoli al chiuso delle mense).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.