Protezione civile, si percepiscono soldi?  


Protezione




Fra le organizzazioni che in Italia si occupano della protezione civile, della tutela della vita, dei beni culturali e della natura, c’è la Protezione civile. La Protezione civile interviene ogni volta che ci sia bisogno di salvaguardare la salute o l’incolumità di qualcuno e l’abbiamo vista lavorare molto nei recenti terremoti dell’Abruzzo o dell’Emilia Romagna ma anche durante l’emergenza Coronavirus degli ultimi due anni.

Una missione davvero onorevole e un lavoro continuo

Insomma, una missione davvero onorevole e un lavoro continuo quello svolto dai tanti operatori e volontari della Protezione civile, che è composta da diverse strutture operative:

  • le forze di polizia italiana
  • il Servizio sanitario nazionale
  • le forze armate italiane
  • la Croce Rossa
  • le associazioni di volontariato

Per entrare in queste strutture, è necessario superare un concorso pubblico (attualmente non c’è nessun bando attivo) oppure si può fare i volontari.

La domanda che ci si può porre quando si decide di entrare a far parte di questa organizzazione, è se si percepiscano soldi.




La risposta è che il volontariato della Protezione civile presta un servizio gratuito; tuttavia spetta loro lo stipendio se sono lavoratori dipendenti e un’indennità se sono lavoratori autonomi.

Infatti, se i volontari della Protezione civile nella vita sono lavoratori dipendenti, in caso di soccorso durante un terremoto o altre calamità naturali, hanno diritto alla retribuzione.

Sono pagati dal datore di lavoro con il normale stipendio.

Hanno diritto alla conservazione del posto di lavoro, al trattamento previdenziale da parte del datore di lavoro e alla copertura assicurativa. L’obbligo del datore di lavoro è quello di permettere l’impiego del volontario per un periodo non superiore a 30 giorni consecutivi e fino a 90 giorni nell’anno.

Per le attività di simulazione, i limiti si riducono a 10 giorni consecutivi e 30 nell’anno, e per emergenza nazionale i termini sono rispettivamente di 60 e 180 giorni.

Se viene dichiarato lo stato di emergenza nazionale (come durante l’epidemia di Coronavirus), i limiti possono essere elevati fino a 60 giorni continuativi (e fino a 180 giorni nell’anno).

Ai volontari lavoratori autonomi spetta invece un rimborso giornaliero fino 103,29 euro



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.