Naspi e disoccupazione sono la stessa cosa? 


Naspi




Quando si parla di disoccupazione si fa riferimento alla condizione di mancanza di lavoro ma anche alla Naspi (Nuova assicurazione sociale per l’impiego), un sostegno erogato dall’INPS per tutti quei lavoratori che abbiano perso il proprio lavoro. In questo periodo è capitato che ci siano stati dei ritardi sui pagamenti della Naspi 2020 dovuti all’emergenza coronavirus.

La Naspi spetta ai lavoratori che abbiano questi requisiti:

  • stato di disoccupazione;
  • aver versato nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione almeno tredici settimane di contributi;
  • aver maturato almeno trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione;

Per presentare domanda di disoccupazione, bisogna far parte delle seguenti categorie di lavoratori:

  • dipendenti a tempo determinato o indeterminato della PA
  • operai agricoli a tempo determinato o indeterminato
  • apprendisti
  • personale artistico con contratto subordinato a tempo determinato
  • soci lavoratori di cooperative con un rapporto di lavoro subordinato

Possono fare richiesta di disoccupazione anche:

  • le lavoratrici che hanno presentato dimissioni nel periodo di maternità (in quanto si tratta di dimissioni per giusta causa)
  • le lavoratrici madri obbligate a presentare le dimissioni durante il periodo tutelato dalla maternità
  • i lavoratori licenziati per motivi disciplinari.

Per fare domanda di Naspi, il lavoratore deve dichiarare il proprio stato di disoccupazione presso un Centro per l’impiego entro 30 giorni dalla data di comunicazione del licenziamento. Per percepire la Naspi, infatti, il lavoratore deve essere disponibile a svolgere attività lavorativa e/o a partecipare ad attività di formazione.

Per questo, presso il Centro per l’impiego verrà stipulato un patto di servizio personalizzato con cui appunto il lavoratore accetta di partecipare ad eventuali attività formative o ad essere preso in considerazione per nuove offerte di lavoro.




Infatti, il lavoratore perderà il proprio diritto alla Naspi:

  • se termina lo stato di disoccupazione;
  • se trova una nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato di durata superiore a 6 mesi;
  • se inizia una nuova attività in forma autonoma;
  • se rifiuta di partecipare, senza giustificato motivo, ad un’iniziativa di politica attiva o non accetta un’offerta di un lavoro congrua.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.