Sanificazione luoghi di lavoro, cosa occorre


Sanificazione




Dal 4 maggio è iniziata la fase 2 dell’emergenza Coronavirus, quella cioè di convivenza con il virus, in cui cambiano anche i Protocolli di sicurezza nei luoghi di lavoro, che prevedono l’adozione da parte delle aziende di misure anticontagio. Una di queste riguarda la pulizia e la sanificazione degli ambienti: per pulizia si intende l’eliminazione dello sporco visibile (polvere, macchie, rifiuti, cattivi odori) mentre per sanificazione si intende un processo di pulizia più approfondito che ha lo scopo di eliminare a fondo batteri e agenti patogeni che con la normale pulizia non è possibile rimuovere.

La sanificazione dei locali

La sanificazione di locali, ambienti, postazioni di lavoro e aree comuni e di svago dovrà essere effettuata periodicamente così come anche quella di tastiere, schermi touch e mouse, a fine di ogni turno. Si deve procedere alla pulizia, sanificazione e ventilazione dell’ambiente anche nel caso in cui all’interno dell’azienda si riscontri una persona positiva al Coronavirus.

I luoghi e le aree potenzialmente contaminate dal virus devono essere trattate con acqua e detergenti comuni e con ipoclorito di sodio allo 0,1% dopo la pulizia al fine di decontaminarli (se le superfici possono rovinarsi, si può utilizzare in alternativa l’etanolo al 70%) o, ancora, si può ricorrere a disinfettanti di tipo fisico (come calore o ozono).

Scegliere i prodotti

Una volta scelti i prodotti, le attrezzature per iniziare l’attività di sanificazione ed essersi assicurati che il personale addetto utilizzi i dispositivi di protezione individuale (mascherine, occhiali protettivi, guanti e camici), si può iniziare:




  • spostando, se possibile, gli oggetti presenti sui mobili così da poter prima sanificare le superfici e dopo gli oggetti;
  • distaccare le prese di corrente elettrica delle attrezzature;
  • effettuare la pulizia meccanica dall’alto verso il basso;
  • effettuare detersione e sgrassatura;
  • procedere alla disinfezione dall’alto verso il basso (per ultimo il pavimento);
  • svolgere la sanificazione tramite aerosol per arrivare in aree più difficili da raggiungere oppure tramite ozono, dopo aver sanificato gli oggetti prima spostati


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.