Psicologia, cosa fare per lavorare nella sanità pubblica


Psicologia




Nella sanità pubblica, lo psicologo può svolgere il suo lavoro in due differenti modalità:

  • consulenza in qualità di libero professionista dotato di Partita IVA;
  • lavoro dipendente, come dipendente pubblico.

Se opera come libero professionista

Se opera come libero professionista, di solito svolge attività inerente ad un determinato ambito di intervento o ad uno specifico progetto, definiti a priori dalla struttura committente, ASL o ospedale, descritti all’interno di un avviso di selezione pubblica.

Per lavorare come psicologo nella sanità pubblica, il futuro psicologo deve:

  • conseguire una laurea magistrale in Psicologia (classe LM 51) oppure Laurea specialistica in Psicologia (classe 58/S): questo percorso si può intraprendere in una delle numerose Università italiane in cui è possibile iscriversi;
  • svolgere un periodo di tirocinio professionalizzante di un anno, presso una struttura convenzionata;
  • superare l’Esame di stato per ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione (è composto da quattro prove, tre scritte ed una orale);
  • iscriversi alla sezione A dell’Albo professionale;
  • conseguire un ulteriore percorso di specializzazione della durata di quattro anni in psicoterapia presso una Scuola di specializzazione universitaria oppure diploma di Specializzazione in Psicoterapia conseguito presso un Istituto privato riconosciuto.

Le procedure concorsuali disposte dall’ASL o dall’ospedale

Solo in questo modo si potrà partecipare alle procedure concorsuali disposte dall’ASL o dall’ospedale. Quindi, per poter lavorare nella sanità pubblica, lo psicologo deve, oltre ad aver ottenuto inizialmente il titolo di Dottore in Psicologia (con il conseguimento della laurea), aver superato l’Esame di Stato e diventare idoneo all’abilitazione per svolgere la professione.




Infine, deve anche aver ottenuto il titolo di psicoterapeuta (dopo aver svolto un periodo di specializzazione quadriennale). Anche per diventare dirigente psicologo presso il servizio sanitario nazionale, è necessario possedere i titoli di specializzazione in psicoterapia rilasciati dopo un periodo formativo di almeno 4 anni che permettano l’annotazione come psicoterapeuta presso l’Albo e diano l’autorizzazione all’esercizio della psicoterapia riconosciuto dall’Ordine.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.