Psicologia, quale percorso fare per intraprendere questo lavoro


Psicologia




Sempre più giovani decidono di voler diventare psicologi: questo è un percorso molto lungo e delicato ed è per questo che, prima di decidere di iniziarlo, bisogna avere una vera e propria “vocazione”.

Per diventare psicologo occorre innanzitutto conseguire una laurea magistrale in Psicologia (classe LM 51) oppure laurea specialistica in Psicologia (classe 58/S).

Conseguito il titolo di laurea

Conseguito il titolo di laurea, bisogna svolgere un periodo di tirocinio professionalizzante di un anno, presso una struttura convenzionata. Al termine del tirocinio, si dovrà superare l’Esame di stato per ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione: l’esame è composto da quattro prove, tre scritte ed una orale.

Superato l’esame, ci si dovrà iscrivere alla sezione A dell’Albo professionale.




Infatti, possono esercitare la professione di psicologo solo i soggetti iscritti a questo albo: è un requisito fondamentale da possedere per poter lavorare nelle strutture pubbliche o nelle aziende private. Infatti, la figura professionale dello psicologo si colloca in diversi settori: sociale, organizzativo, aziendale, educativo, assistenziale, sportivo, giuridico/forense.

Può operare nelle scuole, nei tribunali, nei consultori

Per esempio, può operare nelle scuole, nei tribunali, nei consultori, nelle case circondariali, nelle società di consulenza e di formazione, nel corpo sanitario delle forze armate o nella Polizia di Stato, nelle comunità terapeutiche, nei centri di accoglienza o negli enti di ricerca.

Inoltre, per lavorare all’interno del Servizio Sanitario Nazionale (aziende sanitarie locali o ospedaliere), lo psicologo deve conseguire un ulteriore percorso di specializzazione della durata di quattro anni in psicoterapia. Gli psicologi, oltre a svolgere attività di prevenzione, diagnosi, sostegno psicologico, abilitazione e riabilitazione, si occupano anche del coordinamento e della supervisione del lavoro svolto dai dottori in tecniche psicologiche.

In definitiva, lo psicologo opera per promuovere il benessere a livello psicologico dell’individuo, del gruppo e della comunità: interviene nelle situazioni delicate che possono causare disagio e sofferenza nel paziente.

Questa figura accompagna singole persone, famiglie, coppie e così via nell’affrontare momenti di difficoltà o critici.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Psicologia, che tipo di partita iva aprire
  2. Psicologia, cosa fare per lavorare nella sanità pubblica
  3. Psicologia, si può richiedere la semplificata?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.