Vertenza badanti, come deve essere fatta


Vertenza badanti, come deve essere fatta




Quando fra il datore di lavoro e una badante si creano dei contrasti oppure se la collaboratrice domestica viene licenziata, il datore di lavoro può rischiare di subire una vertenza da parte della badante. Prima di procedere però è bene sapere che cos’è una vertenza sindacale e come funziona per evitare successive ripercussioni.

Quando si fa la vertenza sindacale

Questa viene fatta quando il datore di lavoro non rispetta i termini del contratto collettivo nazionale dei lavoratori. La badante può fare vertenza per diversi motivi per i quali non vengano rispettati i suoi diritti, in particolare quando:

  • non viene pagato lo stipendio e/o i contributi;
  • non viene pagato il TFR;
  • non viene rispettato l’orario di lavoro o i giorni di riposo;
  • il datore di lavoro firma una busta paga con un valore diverso rispetto a quello effettivamente pagato;
  • ci siano altre anomalie nel conteggio delle ferie e dei permessi.

Rivolgersi prima di tutto al sindacato

Per proseguire nella vertenza, la badante deve, per prima cosa, rivolgersi al sindacato dove verranno raccolte tutte le prove delle eventuali anomalie e verrà convocato il datore di lavoro per cercare una risoluzione pacifica fra le parti al massimo in 60 giorni. In pratica, si cercheranno di capire i motivi che hanno spinto il datore di lavoro a procedere al licenziamento ma, nel caso in cui in tale sede non si riesca a trovare una conciliazione, il lavoro passerà nelle mani di un avvocato di fiducia del sindacato per tutta la fase del processo.

Una volta iniziato il processo, la vertenza da luogo ad una vera causa di lavoro: in questo caso, i tempi sono di 2 anni. Ma, in genere, il datore di lavoro cerca di non arrivare mai alla fase del processo e di riconciliarsi con la badante davanti al sindacato. Il datore di lavoro, quindi, per non incorrere nel rischio di vertenze da parte della badante, è bene che si informi su tutti i dettagli del contratto collettivo di tale categoria (come ferie, malattie o minimi contributivi).







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.