Disoccupazione agricola come richiederla


Disoccupazione agricola come richiederla




La disoccupazione agricola è un sostegno importanti per le tante persone che lavorano in questo specifico settore. Disoccupazione, com’è immaginabile non tutti possono chiedere la disoccupazione agricola, questa è riservata agli operai agricoli a tempo determinato, ai piccoli coloni, ai compartecipanti familiari, i piccoli coltivatori diretti che integrano fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi mediante versamenti volontari e agli operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano per parte dell’anno.

Disoccupazione agricola chi non può richiederla

Non possono, invece, chiedere la disoccupazione ai lavoratori che presentino la domanda oltre il termine previsto, i lavoratori iscritti in una delle destioni autonome o nella gestione separata per l’intero anno, i lavoratori già titolari di pensione diretta alla data del 1° gennaio dell’anno di competenza della prestazione. Nel caso di pensionamento in corso d’anno, il numero delle giornate indennizzate per disoccupazione agricola viene riproporzionato rispetto al numero di mesi antecedenti la decorrenza della pensione e ai lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale.

La domanda di disoccupazione

La domanda di disoccupazione può essere presentata come la Naspi ordinaria, ovvero: accedendo al portale dell’Inps tramite il proprio codice Pin utilizzando il link “Servizi per il cittadino” e seguire le indicazioni. Per ottenere il codice personale Pin bisogna fare apposita richiesta utilizzando comunque il sito Inps.

Traminte compilando manualmente il modello di domanda Naspi, codice SR 156, scaricabile anche dal sito dell’Inps, ed il mandato al patronato. La domanda di disoccupazione può essere anche inviata tramite call center.




Per calcolare il pagamento disoccupazione bisogna considerare il numero di giornate pari a quelle
lavorate entro il limite massimo di 365 giornate annue dalle quali si dovranno detrarre: le giornate di
lavoro dipendente agricolo e non agricolo; le giornate di lavoro in proprio, le giornate indennizzate ad
altro titolo, quali malattia, maternità infortunio e sarà costituito nella misura del 40% della retribuzione
di riferimento.




1 Trackback / Pingback

  1. Disoccupazione agricola la domanda entro il 31 marzo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.