Babysitter, assunzione come collaboratrice domestica o partita IVA


Babysitter, assunzione come collaboratrice domestica o partita IVA




Chi per la prima volta vuole assumere una babysitter si chiede effettivamente, in che modo deve regolarizzare tale rapporto di lavoro. Il contratto da babysitter viene equiparato a quello dei contratti di collaborazione domestica ed è per questo, che bisognerà concordare insieme all’interessato le competenze, gli orari di lavoro e quindi anche un compenso che possa essere adeguato in base a quelle che sono le attività da svolgere. Innanzitutto, bisognerà decidere quali sono le ore di lavoro insieme, cioè in comune accordo, e in base a quella che è la normativa vigente, in modo tale da stipulare un contratto part-time oppure full-time, proprio da qui che si inizia quando si decide di diventare una babysitter.

Per mettere in regola la babysitter bisognerà prevedere l’inquadramento del personale a livelli differenti. Se si tratta di collaboratori tipo generico, cioè che ha semplicemente una collaborazione non continuativa, si può anche fare una prestazione con partita IVA. La collaborazione di una baby sitter con partita IVA è utile soprattutto in alcune ludoteche, in strutture pubbliche oppure in un asilo che quindi utilizza questo tipo di collaborazione, pagando poi con tutti i contributi nel caso la prestazione fornita. Se invece si tratta di un tipo di rapporto continuativo e che viene fatto attraverso privati, allora bisognerà seguire un iter completamente differente.

Come assumere una baby-sitter

L’assunzione di una babysitter deve essere fatta nel rispetto del contratto collettivo nazionale di
lavoro domestico del primo luglio del 2013 e quindi, bisognerà prevedere dei minimi retributivi che
sono previsti in base a quella che è la specifica mansione nel settore casalingo. La mansione può essere
sia di tipo occasionale, se si sceglie una baby-sitter che non svolge lavori domestici. ma anche a tempo
pieno, se invece si tratta di una professionista che deve svolgere anche i lavori domestici. Un contratto
di questo tipo necessita del riconoscimento di 26 giorni di ferie l’anno, 12 festivi all’anno e soprattutto, il
versamento dei contributi.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.