Babysitter, quanto costa l’ora: il minimo e il massimo


Babysitter, quanto costa l'ora: il minimo e il massimo




Quando si decide di assumere una babysitter, spesso ci interroga su qual è il prezzo da pagare. Il costo della babysitter dipende molto dal tipo di contratto che si fa e soprattutto da quelle che sono le competenze e le referenze della candidata. Le competenze della baby sitter, infatti, nonché le sue referenze riescono ad avere un peso di non poco conto sul contratto da sottoporre. Quindi se siate alla ricerca di una baby sitter o se volete diventare una babysitter è bene avere più informazioni possibili.

Il costo delle babysitter è abbastanza uniformato in tutta Italia, soprattutto se si tratta di persone che hanno comunque delle esperienze e che possono essere considerate delle professioniste del settore. Trovare una babysitter a volte è una vera e propria necessità e quindi cercare di capire qual è la cifra che bisognerà spendere per avere con sé un professionista dell’educazione dei propri figli è importante.

Il contratto di una baby-sitter

Il contatto di una babysitter, è fatto da un tariffario minimo che viene stabilito dalla legge che prevede
dei compensi che non possono essere mai inferiore a 6 euro l’ora per i lavoratori che hanno
un’esperienza superiore ai 12 mesi e soprattutto, non può essere inferiore ai 7 euro l’ora che possono arrivare ai 9 euro l’ora per quelle che invece hanno delle capacità professionali di tipo specifico.

Chi ha solo poca esperienza potrebbe anche accettare un lavoro al di sotto di questa media però in realtà, solitamente i genitori tendono a non badare a spese quando si tratta del costo di un baby sitter. Una volta valutate le referenze della babysitter solitamente si va a testare la cifra sul pagamento tra gli 8 euro all’ora e i 9. Anche le referenze della babysitter vanno ad influire su quelli che sono i costi perché è molto importante avere l’opinione di altre famiglie che hanno avuto in casa questo professionista, per riuscire a capire effettivamente con chi si ha a che fare.




Pagamenti mensili

Se decidiamo invece di assumere una babysitter ci si dovrà attenere al contratto nazionale di
collaboratore domestico, a seconda della fascia lo stipendio mensile varia da 690 euro fino ad un
massimo per le referenziate e con esperienza di 1360 euro. Va ricordato infatti che la babysitter non è
solamente una persona a cui lasciare i bambini
ma una vera e propria educatrice che spesso
passerà più tempo dei familiari con i bambini, quindi le competenze di questa figura devono essere
definite e sicure.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.