Lavoro, fatturazione elettronica anche per i liberi professionisti


Lavoro, fatturazione elettronica anche per i liberi professionisti




Da gennaio 2019 sembra che la fatturazione elettronica prenda il definitivo sopravvento su altri tipi di fattura e, naturalmente, sulla fatturazione cartacea, cambia a tutti gli effetti il mondo del lavoro di chi ha un’attività. Stiamo parlando di una fatturazione elettronica da compilare su un portale dell’Agenzia delle Entrate (ovvero il cosiddetto Sistema di Interscambio) e non una semplice fattura in pdf da inviare via mail.

Detto questo, l’Agenzia delle Entrate sottopone aziende e liberi professionisti a controlli maggiori per quanto riguarda la compilazione di fatture digitali. Il formato di tali fatture sarà in .xml e dovranno venir emesse tramite il portale SDI, altrimenti non saranno ritenute valide a tutti gli effetti. Ovviamente se avete intenzione di iniziare un lavoro in proprio è bene sapere da dove iniziare.

Lavoro, Fatturazione elettronica e liberi professionisti

Per tutti i liberi professionisti è quindi necessario documentarsi sui nuovi cambiamenti della fatturazione elettronica. Naturalmente, la compilazione e le modalità di pagamento sono pressoché le solite ma ciò che cambia è il “luogo” in cui la fattura passerà.

Considerando i differenti cambiamenti che porteranno dal 2019, chiedere parere ad un commercialista può essere senz’altro d’aiuto, soprattutto se si è liberi professionisti e si necessita di compilare fatture autonomamente e in maniera costante.




Fattura elettronica: quando va usata

Innanzitutto, la fatturazione elettronica risulta obbligatoria se il destinatario risulta un ente della Pubblica Amministrazione.
Fra tali enti rientrano tutti gli enti sanitari, statali, locali e le scuole pubbliche.
Naturalmente, è possibile emetterla anche per quanto riguarda ambiti privati, anche se non risulta effettivamente obbligatorio.

Detto questo, la fattura necessita d’esser compilata online e non si necessiterà di stamparla.
Di conseguenza, il commercialista potrà controllare le fatture direttamente sul portale digitale dove si sono caricate (ovvero il portale SDI).

Importante è non lasciarsi sfuggire che il formato adeguato è il formato .xml. Provvederà poi il Sistema di Interscambio
a controllare se la fattura è formalmente corretta ed è stata firmata digitalmente in maniera adeguata.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.