Disoccupazione, Naspi e assegno di ricollocazione, le differenze e come vengono erogati


Disoccupazione, Naspi e assegno di ricollocazione, le differenze




Ne parlano in tutti i telegiornali e la realtà è sotto gli occhi di tutti: in Italia la disoccupazione ha raggiunto percentuali relativamente alte e sono tante le persone che si trovano in difficoltà, alla ricerca di un lavoro che spesso tarda ad arrivare.

Come può fare quindi un disoccupato a uscire da quello che tante volte sembra essere un tunnel infinito? Una piccola luce in fondo alla galleria è possibile intravederla grazie ad alcune soluzioni e sostegni messi a disposizione dello stato di tutti coloro che versano in difficoltà a causa della perdita del lavoro.

Disoccupazione, i sostegni al reddito

Tra questi spiccano senza dubbio la Naspi e l’assegno di ricollocazione. La Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego, Naspi appunto, è una somma erogata al disoccupato, ovviamente in possesso dei requisiti richiesti, che abbia perso il lavoro in maniera involontaria. È importante quindi informarsi su come richiedere la disoccupazione 2018.

Essa viene erogata nei casi in cui si era titolari di contratto a tempo determinato o indeterminato, di apprendistato, titolari di rapporto di lavoro subordinato, nonché ai lavoratori domestici o della Pubblica Amministrazione, a patto che il contratto sia stato a tempo determinato. In caso contrario, infatti, non si ha diritto a recepire la disoccupazione Naspi, così come sono esclusi anche i lavoratori agricoli.




Una volta trascorsi 4 mesi dall’inizio dell’ottenimento della Naspi, se ancora non si è riusciti a trovare
lavoro, è possibile richiedere l’erogazione dell’assegno di ricollocazione. Esso consiste in una somma
versata al disoccupato, sotto forma di voucher, il cui scopo è quello di pagare la retta di un corso
professionale che permetta di acquisire competenze in un mestiere spesso molto richiesto dalle
aziende che si rivolgono ai Centri per l’impiego per assumere nuove risorse.

La cifra dell’assegno di ricollocazione varia a seconda della tipologia del corso che si va a frequentare,
nonché della possibilità di trovare lavoro al suo termine e del lavoro ottenuto.

 

 



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.