Assegno di ricollocazione, 5000 euro per aiutare chi cerca lavoro


Assegno di ricollocazione, 5000 euro per aiutare chi cerca lavoro




Uno degli strumenti che la nuova legge di bilancio ha messo in atto per cercare di combattere la disoccupazione è l’assegno di ricollocazione. Da premettere che tale assegno non è un bonus, ma un vero è proprio incentivo che dovrebbe aiutare i giovani a trovare lavoro. La legge di stabilità ha stanziato infatti 20 milioni di euro proprio per cercare di sbloccare la situazione introducendo appunto l’assegno di ricollocazione.

Assegno di ricollocazione cos’è e come funziona

L’assegno di ricollocazione, che prevede una cifra fino a 5000 euro, è destinato ai giovani disoccupati che sono in cerca di lavoro. Attualmente da quello che si apprende è ancora in fase di sviluppo ma dal ministero fanno sapere che dovrebbe entrare in vigore nei primi mesi del 2018. La cosa certa è che sono già partite le prime 30mila lettere alle persone beneficiarie della somma e che entro aprile entrerà ufficialmente in vigore per chi ne ha diritto.

Da sottolineare da subito che in realtà l’assegno di ricollocazione non è una somma di denaro che viene messa a disposizione del richiedente avente diritto ma bensì una sorta di voucher spendibile per fare corsi e ampliare le conoscenze che serviranno nel mondo del lavoro sia nei centri per l’impiego pubblici e anche in quelli privati accreditati.

L’importo che verrà riconosciuto nei voucher varia a secondo del profilo e dell’occupazione, si va da un
minimo di 250 euro fino ad un massimo di 5000 euro. Conta anche la tipologia di contratto, infatti se il
titolare dell’assegno di ricollocazione trova un lavoro con un contratto a tempo indeterminato la cifra
oscillerà dai 1000 euro ai 5000 euro. Nel caso contrario se il titolare trova un lavoro con un contratto a
tempo determinato allora si dimezza la cifra che andrà dalle 250 euro fino ai 2500 euro.




Come si fa domanda

Per fare domanda per accedere ai voucher dell’assegno di ricollocazione prima di tutto occorre che
il futuro titolare percepisca la Naspi da almeno 4 mesi, anche se nei primi due mesi di quest’anno ci
sono stati dei problemi pagamenti Naspi 2018, la domanda dovrà essere fatta online sul sito
dell’ANPAL  oppure attraverso un centro dell’impiego. Alla fine della procedura se tutto è andato a
buona fine il richiedente riceverà conferma e gli verrà assegnato un tutor con cui programmare il
percorso giusto per accedere al mondo del lavoro.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.