Assegno di ricollocazione, a chi è rivolto e a cosa serve


Assegno di ricollocazione, a chi è rivolto e a cosa serve




La disoccupazione è uno dei problemi sostanziali dell’Italia, che soprattutto negli ultimi anni si è andata via via diffondendo a causa della crisi e delle politiche sbagliate susseguite nel corso dei vari governi. Attualmente essa ha raggiunto circa il 12%, ottenendo la medaglia di legno tra i Paesi presenti nell’Eurozona. Per ovviare  a questo problema, è stato introdotto un sostegno, rivolto al disoccupato, che gli permetta di frequentare un corso professionale utile a reinserirsi nel mondo del lavoro. Stiamo parlando dell’assegno di ricollocazione, rivolto a coloro che si trovano  in stato di disoccupazione e che stanno ricevendo l’indennità Naspi da un periodo minimo di  4 mesi. Possono inoltre presentare richiesta di assegno di ricollocazione coloro che già beneficiano del cosiddetto Reddito di inclusione, oltre che coloro che svolgono ancora formalmente la loro attività lavorativa, ma che si trovano in un accordo di ricollocazione.

Assegno di ricollocazione, chi lo può richiedere

Che cos’è questo sostegno per i disoccupati? L’assegno di ricollocazione è frutto della riforma del
lavoro varata nel governo Renzi, la famosa Jobs Act, con la quale si è cercato di combattere la
disoccupazione, specialmente quella giovanile che ultimamente nel nostro Paese ha toccato
percentuali davvero alte. Si è quindi cercato di dare la possibilità di rientrare nel mondo del lavoro anche attraverso un’altra tipologia di mansione, la cui competenza viene acquisita mediante la frequenza di corsi professionali organizzati da enti in collaborazione, molto spesso, con i centri per l’impiego.

Senza essi, infatti, non è raro che il disoccupato non riesca a trovare lavoro al termine del sostegno alla
disoccupazione, trovandosi in difficoltà. L’assegno di ricollocazione è stato pensato per contrastare
questa condizione e offrire uno strumento in più per ritornare nel mondo lavorativo, a qualsiasi età e
con altre competenze e conoscenze, e magari un altro mestiere. D’altronde, così come dichiarato nella
Costituzione, “l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro” ed  è giusto che lo Stato attui politiche sempre
più volte al contrasto della disoccupazione.






Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.