Assegno di ricollocazione rinviato a maggio attraverso una delibera


Assegno di ricollocazione rinviato a maggio attraverso una delibera




L’ assegno di ricollocazione introdotto dal   Jobs Act, la riforma del lavoro attuata dal governo Renzi, dovrà attendere ancora un pochino prima di vedere la luce. E’ questa la decisione presa dagli enti e divulgata attraverso la delibera 14/2018. Nel 2017 l’assegno di ricollocazione era stato sottoposto ad un vero e proprio test: era infatti messa a disposizione di circa 30.000 persone, le quali avevano aderito in una percentuale di circa il 10%.

Le persone che si trovano in  stato di disoccupazione, e che quindi recepiscono il reddito Naspi, da almeno 4 mesi devono però aspettare il mese di maggio prima di poter richiedere l’assegno di ricollocazione, mese nel quale sarà messo a disposizione non solo del campione di 30.000 persone, ma di tutti coloro in possesso dei requisiti.

L’ assegno di ricollocazione sarà sotto forma di voucher

Ma che cos’è l’assegno di ricollocazione? L’assegno di ricollocazione si presenta come una buona misura di lotta alla disoccupazione, grazie alla possibilità, offerta  a coloro che la richiedono, di cambiare completamente vita e professione, acquisendo conoscenze e competenze in ambiti anche diversi da quelli fino a quel momento esercitati.

Il disoccupato ha quindi la possibilità di riscatto nei confronti della società nella quale è inserito,
essendo preparato e formato a svolgere un’altra tipologia di professione, magari molto richiesta nel
mondo del lavoro. L’assegno di ricollocazione, lo ricordiamo, eroga un contributo, sotto forma di
voucher, che può essere utilizzato per finanziare corsi professionali istituiti da enti regionali e di
formazione, spesso in collaborazione con i vari centri per l’impiego presenti nelle città.




L’entità dell’importo erogato varia a seconda della tipologia di corso frequentato, sia dal tipo di
contratto che si riesce ad ottenere al suo termine. I voucher con la cifra più alta, cioè dai 1000 ai 5000
euro, vengono emessi qualora al termine del percorso di formazione si ottenga un contratto a tempo
indeterminato o, per coloro che hanno un’età inferiore ai 29 anni, con un contratto di apprendistato.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.