Istat: aumenta disoccupazione giovanile


Istat: aumenta disoccupazione giovanile




I dati diffusi dall’Istat sulla disoccupazione giovanile e femminile rimangono per il Codacons spaventosi e confermano come la questione relativa al lavoro dei più giovani rappresenti la vera emergenza del Paese.

I nuovi dati Istat arrivano solo qualche giorno dopo i dati Eurostat, che avevano relegato l’Italia al penultimo posto in Europa in termini di disoccupazione giovanile.

Qualsiasi indicatore insomma certifica la gravità della situazione, di cui sembra non avvedersi solamente la classe politica. Di sicuro, l’unica reazione adeguata sarebbe il silenzio (colpevole) di chi sa di aver fatto troppo poco, in questi anni, per i giovani nostrani: e invece, nonostante la tragedia in corso, il consueto balletto di numeri autorizza a quanto pare entusiasmi eccessivi e del tutto fuori luogo, oltre alle solite promesse (come quelle del Ministro Poletti al Meeting di Cl a Rimini) cui ormai siamo da tempo abituati e che per una volta sarebbe bene sostituire con i fatti concreti.

Infine, non si può tacere sull’aumento della disoccupazione femminile: nell’ultimo mese la crescita abnorme delle donne che non lavorano (+4,6%) rappresenta un altro fattore inquietante e deludente.




“Il solito balletto di numeri. Enfasi esagerata ma di fatto i problemi sono sempre gli stessi, e hanno nomi precisi: disoccupazione giovanile e femminile. In entrambi i casi siamo il fanalino di coda d’Europa, Grecia esclusa. Non mi pare ci sia molto da festeggiare”, dichiara il Presidente Carlo Rienzi.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.