Contratto di prestazione occasionale 2018, cosa è cambiato


Contratto di prestazione occasionale 2018, cosa è cambiato




Uno dei contratti che al giorno d’oggi viene più utilizzato per il lavoro occasionale è sicuramente il contratto di collaborazione occasionale. Il contratto di prestazione occasionale 2018 rispetto a quello degli scorsi anni è migliorato parecchio. È diventato un contratto infatti molto più flessibile rispetto a quello che si vedeva gli scorsi anni  nonostante abbiamo avuto l’abolizione dei buoni INPS. Il contratto di collaborazione occasionale INPS non è altro che un contratto utile a imprenditori, professionisti, lavoratori autonomi e soprattutto alle associazioni. Permette infatti di pagare una persona attraverso un voucher che non è altro che un pagamento in contanti sostituito da dei “buoni”, oggi sostituiti con i libretti famiglia. Il contratto di collaborazione occasionale è un contratto in scrittura privata, che vale assolutamente come un normale contratto di lavoro.

Contratto di prestazione occasionale, quando farlo

Con l’avvento del nuovo anno il contratto di lavoro occasionale 2018 ha avuto una miglioria importante, ovvero il libretto famiglia. Questo libretto non è altro che una sorta di libretto degli assegni che permette di pagare le persone che ad esempio svolgono i lavori domestici all’interno delle case. Per esempio al posto di pagare in contanti una badante abbiamo la possibilità di poterla pagare attraverso questi voucher, una soluzione per evitare il grande spostamento di contanti in nero che questo tipo di attività muove cercando di arginare il rischio evasione.

Flessibilità nell’utilizzo

Un altro lato davvero molto positivo del contratto di collaborazione occasionale 2018 è sicuramente
la sua flessibilità nel poter essere utilizzato in maggiori ambiti. Abbiamo anche infatti il contratto di
prestazione d’opera occasionale scuola  utile quindi anche alle scuole statali e private, che hanno la
possibilità di assumere per qualche giorno sia un docente che un collaboratore scolastico. Purtroppo
però questo voucher non farà sommare i punti nella graduatoria operando su due canali differenti, è
più che altro un contratto che aiuta quelle ditte a poter assumere delle persone per un tempo breve
quando ci sono dei picchi di lavoro importanti. I voucher per quanto concerne la riscossione, sono
uguali a quelli degli anni precedenti. Questo significa che si possono riscuotere tranquillamente in
tabaccheria.







1 Commento

  1. Nel PRESTO cosa vuol dire limiti di importo o utilizzi annuali ???
    1- 365giorni dalla data di versamento all’INPS ????
    2- anno civile entro il quale si versa e si utilizza ???
    ESEMPI :
    versamento all’Inps 01/12/2017 con utilizzo obbligatorio entro 31/12/2017 o 30/11/2018 ????
    gli importi non utilizzati restano disponibili o vanno sommati nell’anno successivo ???

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Contratti di lavoro, cosa cambia nel 2018. Quello che c'è da sapere
  2. Contratto di lavoro per studenti universitari quale adottare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.