Regolarizzazione colf, come sarà la procedura


Regolarizzazione




La lotta al lavoro nero è diventata ancora più concreta con l’articolo 110 bis (Emersione dei rapporti di lavoro) contenuto nel Decreto Rilancio. L’articolo prevede la possibilità di regolarizzazione i rapporti di lavoro di colf, domestiche e braccianti agricoli con permessi di soggiorno scaduti e l’emersione del lavoro nero. Ovviamente tra i contratti più utilizzate c’è senza dubbio il contratto a tempo determinato.

Come funziona la regolarizzazione delle colf

I datori di lavoro possono inoltrare istanza per regolarizzare i rapporti di lavoro a partire dal primo giugno e fino al 15 luglio 2020, pagando un contributo di 400 euro per ciascun lavoratore più un forfait a titolo retributivo, contributivo e fiscale.

La richiesta deve essere presentata all’INPS, nel caso di colf italiane o cittadine di uno Stato dell’UE e allo sportello unico per l’immigrazione, nel caso di colf extracomunitarie. Comunque, per richiedere la regolarizzazione per le colf, è necessario che la lavoratrice in questione possa dimostrare di trovarsi in Italia da prima dell’8 marzo 2020, cioè prima del periodo di chiusura imposto per limitare i contagi da Coronavirus (lockdown).

Per dimostrare la presenza in Italia prima di quella data sono ammesse due prove:

  • i lavoratori siano stati sottoposti ai rilievi fotodattiloscopici, cioè alle impronte digitali prelevate dalle forze dell’ordine, prima dell’8 marzo (cioè abbiano soggiornato in Italia prima di tale data);
  • la dichiarazione di presenza (ai sensi della legge 28 maggio 2007, n. 68).

Allo stesso modo, è necessario che la colf immigrata non abbia lasciato l’Italia a partire da quella stessa data. Le colf straniere con permesso di soggiorno scaduto a partire dal 31 ottobre 2019, potranno richiedere un permesso temporaneo, presentando la richiesta presso la Questura sempre a partire dal primo giugno e fino al 15 luglio 2020.




In questo modo, la colf otterrà un permesso temporaneo di 6 mesi con cui potrà ricercare lavoro: se durante questi 6 mesi trova un’occupazione, il permesso diventa un permesso di soggiorno per motivi di lavoro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.