Youtuber, se i guadagni sono alti come regolarizzare?


Youtuber




YouTube è la piattaforma di condivisione di video più nota al mondo. Ogni giorno, migliaia di youtuber la utilizzano per condividere i propri video che verranno visualizzati dai loro seguaci e follower tanto che da passione per molti si trasforma in un vero e proprio lavoro online.

Gli argomenti che trattano gli youtuber

In questi video vengono trattati argomenti vari: molte volte questi ragazzi sanno fare qualcosa di specifico (come ad esempio dare consigli su videogiochi, abbigliamento, trucchi) oppure utilizzano semplicemente il proprio canale YouTube per parlare di sé, confidarsi, dare consigli e così via.

Il fenomeno degli youtuber riscuote già da qualche anno molto successo all’estero e in Italia: molti di questi giovanissimi (che di solito hanno un’età che va dai 15 ai 30 anni) riescono ad attirare l’attenzione di tantissimi follower, pronti a visualizzare i loro video non appena vengono pubblicati. Quello dello youtuber può essere considerato un vero lavoro ai sensi di legge anche se, nell’immaginario collettivo, è un hobby retribuito: in realtà, i creator dei video passano molto tempo ad ideare, montare e caricare i video e già questo basta a configurare quest’attività come un lavoro vero e proprio.

Cosa succede a livello fiscale?

Dal punto di vista fiscale, quando uno youtuber partecipa ad un programma di partnership e acconsente all’inserimento di banner pubblicitari sul suo video, si tratta, di fatto, di un’attività continuativa abituale per la quale è necessario aprire la Partita IVA per dichiarare i guadagni. Inoltre, la gestione di banner online si configura come un’attività commerciale da iscrivere in Camera di Commercio e quindi alla Gestione Commercianti INPS.




Il regime fiscale più conveniente per uno youtuber è il regime forfettario che consente di godere di agevolazioni contabili: la tassazione sarà di una sola imposta sostitutiva del 5% o del 15% (a seconda se contribuente start-up o meno) e di uno sconto sui contributi INPS del 35% (sia su quelli fissi che su quelli in percentuale).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.