Commercialista, cosa fa precisamente questa figura professionale





Dopo aver terminato gli studi in Economia, uno degli sbocchi professionali è quello di diventare Dottore Commercialista. Per poter essere abilitati a svolgere questa libera professione, è necessario svolgere un periodo di tirocinio che consenta di sostenere l’Esame di Stato. Solo dopo aver superato questo esame, ci si potrà iscrivere nell’Albo professionale dei Dottori Commercialisti sezione A, aprire la Partita IVA ed iniziare a svolgere l’attività professionale.

Commercialista, sono diverse le strade da percorrere

Questa attività professionale si articola in attività di consulenza in ambito commerciale, fiscale, societario e del lavoro nei confronti di persone fisiche, ditte individuali e società.

I commercialisti possono:

  • compiere revisione di giudizi o attestazioni su bilanci di imprese ed enti pubblici o privati che non siano soggetti al controllo legale dei conti;
  • valutare le aziende;
  • assistere e rappresentare i clienti davanti a commissioni tributarie provinciali e regionali;
  • essere curatori, commissari liquidatori o commissari giudiziari nelle procedure concorsuali, giudiziarie e amministrative;
  • svolgere la funzione di Sindaco e componente di organi di controllo e sorveglianza;
  • svolgere consulenza nella programmazione economica di enti locali.

Nello specifico, le attività del Commercialista vanno da:

  • redazione dei libri contabili e del lavoro (come il libro unico del lavoro LUL);
  • tenuta della contabilità;
  • redazione del bilancio di esercizio;
  • consulenza nella dichiarazione dei redditi;
  • svolgimento di perizie tecniche, ispezioni e revisioni amministrative;
  • revisione dei conti degli enti e delle imprese;
  • rilascio di visti di conformità e certificazione tributaria.

Dato che la professione del Commercialista si è molto evoluta e anche i supporti per la sua attività (il digitale e l’informatica), un Dottore Commercialista oltre ad essere competente in materia commerciale, contabile e fiscale, deve avere anche delle competenze informatiche. Periodicamente, deve continuare a formarsi e aggiornarsi professionalmente, conseguendo almeno 90 crediti in ogni triennio e minimo 20 crediti l’anno di cui 3 devono riguardare l’ordinamento, la deontologia, le tariffe e l’organizzazione dello studio professionale.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Diventare commercialista, cosa fare dopo la laurea
  2. Diventare commercialista, si deve essere iscritti ad un albo?
  3. Diventare commercialista, quale laurea seguire

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.